Mediterraneo: le organizzazioni umanitarie salvano centinaia

Stato: 9/9/2022 21:55

In un giorno, l’equipaggio di “Sea-Watch 3” ha salvato più di 260 persone da quattro barche in difficoltà. Altre due imbarcazioni di soccorso con a bordo rifugiati e migranti stanno perquisendo il porto.

L’organizzazione tedesca Sea-Watch ha salvato quasi 270 rifugiati e migranti dalle difficoltà nel Mar Mediterraneo. L’equipaggio di “Sea-Watch 3” ha trasportato circa 140 persone da due navi, ha scritto Sea-Watch su Twitter. Secondo la loro stessa dichiarazione, i volontari avevano precedentemente sollevato 64 persone dalle barche di legno e poco dopo avevano salvato altre 64 persone dai gommoni.

Altre due navi di soccorso in cerca di porto

Nel frattempo, altre due organizzazioni tedesche hanno cercato un rifugio sicuro con le loro barche e un totale di oltre 200 persone a bordo. Ci sono quasi 130 persone in “Sea-Eye 4”. L’equipaggio ha preso il controllo di 54 di loro a metà di questa settimana da “Rise Above” dell’organizzazione tedesca Mission Lifeline, come spiega Sea-Eye.

Dopo un altro salvataggio di circa 70 persone, ci sono attualmente più di 180 rifugiati e migranti salvati a bordo di “Humanity 1” dalla ONG SOS Humanity con sede a Berlino. Secondo l’equipaggio, hanno recuperato persone da barche di legno non idonee alla navigazione nelle acque internazionali della Libia.

Più di 1.200 persone sono morte e sono scomparse dall’inizio dell’anno

I soccorritori marittimi civili di solito possono portare le persone soccorse in Italia. Lì, gli sbarchi hanno portato ripetutamente a discordia in politica. Prima delle elezioni parlamentari del 25 settembre, i partiti di estrema destra favoriti dai sondaggi d’opinione pubblicizzavano di voler impedire in futuro l’arrivo di profughi in Italia. Il ministero dell’Interno del Paese conta più di 62.300 rifugiati e migranti che hanno raggiunto l’Italia in barca finora quest’anno. Secondo le statistiche, c’erano ancora circa 40.700 nello stesso periodo dell’anno precedente.

Il Mediterraneo è una delle vie di fuga più importanti e allo stesso tempo più pericolose al mondo. Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, dall’inizio dell’anno almeno 1.264 persone sono morte o sono scomparse durante le traversate. È probabile che il numero di casi non denunciati sia molto più alto. Non ci sono servizi di soccorso marittimo regolamentati dallo stato nel Mediterraneo. Solo iniziative private vigilano su rifugiati e migranti in pericolo in mare.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.