Mascherine ovunque in Italia Modal

Il governo di Mario Draghi ha scelto una strada di graduale inasprimento del coronavirus. Le mascherine sono obbligatorie ovunque ma l’MMM è ancora imballato.

Da oggi le mascherine sono obbligatorie su tutte le strade e negli spazi aperti in genere. Allo stesso tempo, su autobus, metropolitane, teatri, cinema, stadi e musei, i cittadini d’ora in poi dovranno indossare maschere protettive potenziate.

Presto i loro prezzi potrebbero essere abbassati, con un’assistenza statale speciale, soprattutto per studenti, disoccupati e chiunque abbia un reddito basso. La stampa, ovviamente, ha sottolineato che in varie città i mezzi di trasporto continuano a essere congestionati e negli ultimi due anni non sono stati presi provvedimenti sostanziali per rafforzarli.

“Il nuovo studio lo conferma ed è per questo che sottolineiamo l’importanza delle mascherine di base, soprattutto ora, con questa nuova variante più contagiosa”, ha affermato il ministro della Salute italiano Roberto Speranza.

A proposito di vaccini e certificati

Contestualmente si è deciso di ridurre la durata della vaccinazione di autorizzazione verde, da nove a sei mesi, e la possibilità di somministrare la terza dose del vaccino a quattro mesi dalla seconda.

Nonostante le diverse intenzioni iniziali, il governo Draghi ha deciso di vietare i festival e le discoteche all’aperto fino al 31 gennaio. Cioè, i programmi TV per il nuovo anno, in varie piazze, dovevano essere realizzati senza pubblico. I proprietari del club, che avevano venduto i biglietti per la vigilia di Capodanno, hanno protestato ad alta voce e hanno dichiarato che sarebbero stati devastati finanziariamente. È possibile che venga approvato un nuovo e straordinario sostegno statale.

Infine, nei bar, nei ristoranti e nelle palestre, tutti ora accederanno solo con un certificato di vaccinazione. In altre parole, viene eliminata la possibilità che una persona non vaccinata consumi bevande e cibo “in piedi”.

E se queste misure non funzionano nel nuovo anno, il passo successivo è un’estensione della vaccinazione obbligatoria, a partire dal settore pubblico in generale.

Theodoros Andreadis Siggelakis, Roma

Fonte: Deutsche Welle

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.