Marina: perché l’autopsia di Thalia, 19 anni, è stata ritardata

La causa della morte non è ancora chiara finora Talia, 19 anniche morì improvvisamente durante un viaggio di addestramento navale in Italia.

Lo scenario della morte della povera ragazza era cambiato negli ultimi giorni, con suo padre che voleva prendere una posizione e liberare il paesaggio per ciò che è stato ascoltato.

Incredibile scoperta: Possibile esopianeta acquatico trovato, coperto dall’oceano profondo

Parlando con MEGA, ha detto che “nessuno degli scenari ascoltati è vero. Nessuno sa nulla finora. Anche noi stessi genitori non sappiamo nulla”.

La Marina sta ancora indagando sulla causa della morte, mentre due medici militari e un uomo del consolato sono stati con i genitori fin dall’inizio, che non potevano credere di aver perso improvvisamente il loro bambino.

Un collega del padre 19enne ha detto che i suoi genitori sono partiti per Napoli il prima possibile. “Era in miseria. Mi ha appena detto che sarei andato direttamente in Italia. Abbiamo lavorato insieme e lui ha lasciato il lavoro ed è andato in Italia”, ha detto.

Focus sui fast food in Tunisia

Dopo aver navigato su una nave della Marina verso un porto tunisino, Thalia, 19 anni, insieme ad altri cadetti, ha pranzato in una nota catena di fast food.

Uno degli scenari presi in considerazione era che mangiassero qualcosa che le causava problemi di salute così enormi che in realtà aveva la febbre molto alta il 23 agosto, veniva portata d’urgenza all’unità di terapia intensiva il 24 e moriva il 25 di ogni mese. .

Altri due cadetti che hanno manifestato gli stessi sintomi sono in buona salute e dovrebbero essere dimessi.

Necroscopia ritardata

Martedì sarà condotta l’autopsia dal medico legale italiano, ritardata per questioni procedurali.

Da qui emergerebbe la causa della morte di Thalia, ma ci vorrebbe molto tempo per completare i test tossicologici per avere un quadro completo e soprattutto una risposta a ciò che ha causato la malattia e le sue condizioni in rapido deterioramento. alla sua morte.

“Ci hanno parlato dell’eruzione cutanea alle gambe e della febbre”

Tuttavia, l’eruzione cutanea ai piedi rivelata dal fratello diciannovenne di Thalia sembra complicare la situazione.

Ha parlato con MEGA del tragico incidente stesso, menzionando ciò che la sua famiglia sapeva sui progressi di salute di sua sorella.

“La prima chiamata che abbiamo ricevuto è stata del dottore. Che stava male, da lui non abbiamo saputo niente” ha detto il fratello della povera ragazza, notando che “il dottore ci ha detto che aveva un’eruzione cutanea alla gamba, ha ha avuto una leggera eruzione cutanea.” febbre ma sotto controllo e si sente stanco alle ginocchia”.

“Ci hanno portato ieri (l’altro ieri) per dirci che è stata intubata e che i nostri genitori sono andati lì per sostenerla”, ha detto a proposito dei progressi di salute della ragazza di 19 anni.

“Ogni volta che si sono fermati, abbiamo parlato, per 40 giorni è stato via. Era la scorsa settimana. Lo stiamo aspettando come e come”, ha aggiunto.

“Era sempre sorridente, ottimista, coraggioso, non si lamentava mai. Ha sostenuto l’esame panellenico una seconda volta per arruolarsi in marina. Era il suo sogno sin da quando era bambina”, ha concluso parlando della ragazza di 19 anni scomparsa.

Kavala Tragedy: Si sono suicidati perché la loro famiglia disapprovava la loro relazione

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.