Marina Militare: Domani a Larissa si terranno i funerali per la 19enne Thalia

Oggi, finalmente, dovrebbe essere trasportato dal C-130 al Larisa Corpo da cadetto della marina di 19 anni, Taliadall’Italia. Il motivo per cui il trasferimento è stato ritardato di un giorno è che l’esame forense è stato svolto fino a martedì pomeriggio.

risultati dell’autopsia- post mortems dovrebbe uscire in tempi relativamente brevi, a seguito della relativa pressione da parte greca sul medico legale italiano, ma i test tossicologici saranno posticipati poiché è noto che le relative procedure richiedono molto tempo.

Atene per la NATO auguri alla Turchia per il 1922: un passo decisivo per Stoltenberg

Il corpo della povera Thalia sarà accompagnato dai suoi genitori, che fin dalla prima volta furono in Italia sotto le cure della Marina Militare.

I genitori sono figure tragiche

QUELLO il padre del povero testha parlato con MEGA, sperando che un esame forense avrebbe fatto luce sulla causa della morte di suo figlio e che le procedure sarebbero state completate presto in modo che potessero salutarla a Larissa, insieme a coloro che la conoscevano e l’amavano.

“Non so come dirvi quale sia stata la causa della morte di mio figlio. Ho letto anche il copione, ma nessuno lo sa davvero. Spero di essere in Grecia domani, se la burocrazia in Italia lo permetterà, dopo l’autopsia completo. il funerale è stato organizzato per giovedì pomeriggio”, ha detto il padre di un cadetto di 19 anni.

Larissa in “nero”.

Nel frattempo, solo parole e bei ricordi devono essere pronunciati da coloro che sono legati alla ragazza di 19 anni. Una delle sue insegnanti, della discoteca in cui era coinvolta Larissa, ha parlato con MEGA, sbalordita dalla tragedia.

“Che dire di un giocatore di 19 anni che se ne è andato. Un bambino gentile e timido, con un sogno, con ottimismo, con gioia, con i suoi interessi, con i suoi amici, che è venuto a ballare, che è andato ai nostri eventi. Completo della vita”, ha detto l’insegnante di danza tradizionale nel saggio.

Non appena i genitori del 19enne sono stati informati della morte del figlio, si sono immediatamente recati a Napoli con l’aiuto della Marina Militare. Era il sogno di Thalia frequentare la Naval Cadet School e stava appena iniziando.

“La prima volta che non ce l’ha fatta, si è trasferito in un’altra scuola ad Atene e ha fatto domanda di nuovo perché voleva andarci. Ricordo l’ultima volta che l’ho visto a Natale quando è venuto. Che si è divertito, è stato, ok, è stata dura, che “stiamo andando ma mi piace…”, descrive l’insegnante di danza tradizionale dal saggio.

L’hamburger che ha condiviso

Ricordiamo che la tragedia con la morte della 19enne Thalia è avvenuta durante un viaggio di addestramento estivo ambientato dopo la partenza da Lagoulet, in Tunisia, e prima della partenza per Napoli.

Mezzo hamburger e un frullato hanno causato l’avvelenamento della diciannovenne Thalia

Secondo le informazioni incrociate di protothema.gr, un pasto in un fast food a Lagoulet, in Tunisia è stato quello che, secondo i dati fino ad ora, ha causato un’intossicazione alimentare in uno sfortunato cadetto della marina, che per motivi attualmente sconosciuti provoca rapidamente la sua peggioramento della salute e poi la sua morte.

La povera Thalia ha condiviso lo stesso hamburger, anche con uno degli altri cadetti della marina (ne hanno mangiato metà ciascuno) e hanno bevuto lo stesso milkshake. Al PGY Prometheus, entrambi mostrano sintomi di avvelenamento. Il povero compagno di studi di Thalia ha avuto una febbre di 38 per circa due giorni e poi si è ripreso.

15 casi di avvelenamento

Va notato che il personale medico della nave di supporto generale “Prometheus” dopo essere salpato dalla Tunisia ha affrontato contemporaneamente 15 casi di avvelenamento di cadetti navali.

La donna di 19 anni, finita dopo un drammatico peggioramento delle sue condizioni di salute all’ospedale Del Mare di Napoli, aveva anche una febbre di 38-38,5 che è stata alleviata dall’assunzione di antipiretici. Martedì scorso, il giorno in cui Thalia è stata portata in un ospedale italiano dopo il letto di Prometeo a Napoli, era visibile un gonfiore alla gamba e il personale sanitario ha ritenuto che fosse un sintomo di una possibile IVU. Nel letto di Prometeo a Napoli, la notte di martedì 23 agosto, Thalia si è recata in ospedale. Sfortunatamente, la sua salute è peggiorata rapidamente nelle ore successive. È stato ricoverato in terapia intensiva mercoledì mattina ed è morto nelle prime ore di giovedì 25 agosto, lasciando la sua famiglia e la Marina in lutto.

È certo che nessuno ha avuto l’impressione che la salute della ragazza di 19 anni fosse in grave pericolo, o quanto fossero critiche le sue condizioni.

Ankara tira le fila: il problema dell’S-300 greco ricade sulla Nato

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.