Maria Kilibarda, conduttrice: L’intrattenimento economico ha il punteggio più alto

Armata di un sorriso riconoscibile, energia spumeggiante e nuova frangia, Marija porta ancora una volta calore nelle case di tutto il paese e ci ospita nei suoi “laboratori creativi” da cui nasce ogni sabato una rivista diurna di due ore, che, come ha annunciato , può essere apprezzato da tutte le età. . Il nuovo spettacolo è un tipo di collage, ricco di intrattenimento di qualità, composto da diversi segmenti educativi, allegri e rilassanti. In un’intervista per la rivista Dnevnik TV, Marija Kilibarda ha sottolineato che lo spettacolo “All in All” porta davvero una combinazione di argomenti che le sono personalmente vicini.

– Lo spettacolo “150 minuti” di sabato dura un anno e pochi giorni. Le persone si sono legate su alcuni dei nostri articoli e io e Jovana Maletić, la mia editor, volevamo introdurre qualcosa di nuovo e rinfrescante in studio. Il nostro obiettivo è arricchire i fine settimana delle persone in queste due ore. Per mostrare quanto tutti dovremmo dare valore al nostro tempo libero e offrire loro contenuti attraverso i quali possono davvero divertirsi, rilassarsi, imparare qualcosa di nuovo, avvicinarsi ai propri figli ricevendo risposte alle loro domande, trovare idee per il pranzo della domenica o leggere letteratura – il ha detto al nostro giornale la famosa presentatrice Marija Kilibarda.

Quanto è difficile oggi inventare qualcosa di nuovo e offrirlo a un pubblico nel fine settimana molto popolare per uno spettacolo su una rivista?

– Perché deve essere nuovo per essere valido? I formati migliori sono quelli che hanno resistito alla prova del tempo. “Puzzle”, “Volti TV … come tutto il mondo normale”, “Esplosivo” … Penso che sia importante avere un approccio personale agli ospiti e agli argomenti, elaborarli in modo autentico e trasmettere alle persone sensazioni che sei lì, davvero a casa loro. Discreto, spontaneo, onesto, diretto, curioso.


Mi vedono come un vero intrattenitore

Nella tua carriera fino ad ora, hai condotto vari programmi televisivi. In che altro modo il cambiamento potrebbe influire su di te e, in generale, uscire dalla tua zona di comfort e spostare i tuoi confini?

– La vedo come una benedizione. Sono più bravo in tutto. Esperienze diverse portano più conoscenza e danno ampiezza a ogni essere, anche alla mia televisione. So quello che non mi interessa, nemmeno un po’, è la politica e la programmazione informativa, quindi non c’è bisogno di provare qualcosa per cui non hai un interesse o una passione. Non credo che dovrei preoccuparmi, tutti mi vedono come un puro intrattenitore.


Dopo 20 anni di carriera, quanto sarebbe difficile per te essere coinvolto nella programmazione di intrattenimento in un momento in cui contenuti banali inondano i media e spesso rendono l’intrattenimento una realtà?

– Ecco perché è impegnativo. Quel “divertimento” economico ha il punteggio più alto. E non ho perso la citazione (ride). Conflitto, sesso, esaurimento mentale individuale … Mi sembra che tutti si stiano affrettando a far sembrare i propri problemi più piccoli. In un momento in cui i programmi politici e i reality sono i più seguiti, è un traguardo offrire agli spettatori creatività, cultura e contenuti significativi, senza che lo accettino con tutto il cuore. In definitiva, ogni programma ha il suo pubblico e spetta ai media fornire diversità attraverso le nostre offerte. È nostro dovere e dovere. Bene, perché non lo soddisfiamo tutti, questo è un altro argomento.

Sembra che oggi giovani presentatori e giornalisti siano entrati nel mondo dei media e della televisione dall’oggi al domani e tu stia ancora frequentando una scuola seria all’RTS per apparire nell’inquadratura. Quanto è stata importante per te l’esperienza del principiante quando hai iniziato a lavorare nel settore dei media, e come hai visto in cosa eri bravo e cosa hai imparato in quel periodo?

– A dire il vero, ho fatto pratica davanti alle telecamere di Canale 3. Finché non ti getteranno nel fuoco delle lezioni teoriche, non servirai a molto. È stato solo più tardi, nel processo, che sono stato in grado di applicare alcune delle conoscenze sul parlare in pubblico e sulla struttura delle interviste che ho acquisito alla scuola RTS. All’inizio della mia carriera non sapevo cosa mi stesse succedendo. Tutto stava andando molto veloce. Studio e lavoro, e tutto il tempo mi sembra di divertirmi. A 22 anni, non mi rendevo conto che questa sarebbe stata la mia vocazione nella vita e che mi sarei sviluppata attraverso la televisione come conduttrice e come scrittrice e come Maria come sono oggi. Vorrei anche dire che non vi è alcun obbligo per i presentatori televisivi di completare il giornalismo. Sono ad esempio iscritto alle politiche sociali e alla dirigenza sportiva. La cosa più importante è avere la libertà di parola in pubblico. L’atteggiamento verso la fotocamera è importante quanto essere nel materiale e pronto. Sii fluente e cerca capacità di comunicazione. Ci sono diversi fattori qui, e ogni scuola è un importante promotore di talenti. Ci sono guide fantastiche che si sono diplomate in varie scuole e facoltà di artigianato.

Ricordi la tua prima apparizione davanti alla telecamera? Cosa hai pensato quando la registrazione è finita e cosa ti sei detto oggi dopo aver finito il lavoro?

– È molto divertente. Tutti intorno a me stanno cercando di rallentarmi, perché parlo molto velocemente. Anche oggi, dopo tanto lavoro su me stesso, sono in quinta marcia. E ne ho fatti cadere almeno tre (ride). Suono come una corda rotta. Oggi ho delle belle giornate e non mi piace. Sono piuttosto acuto con me stesso. Può quasi sempre essere migliore.

Come fai a padroneggiare l’improvvisazione in studio quando il regista ti dice: “Dì qualcosa”?

– Di nuovo – la scuola del terzo canale. Questo è ciò in cui sono bravo. Penso che sia una delle mie risorse più forti: la capacità di improvvisare.

Molte persone si aggrappano alla TV perché hanno l’opportunità di guardarti spesso su un piccolo schermo durante la prima serata. Le persone che incontri per strada pensano che tu sia vicino per questo e ti sei mai opposto a quella vicinanza?

– Non disturbare. Le persone sono molto attente a me, non invadenti. Quando vedi qualcuno felice perché ti vede vivo, perché mi dispiace.

Il tuo successo non arriva dall’oggi al domani e non sei uno di quelli che appaiono e poi scompaiono, ma fai costantemente il tuo lavoro e, a quanto pare, sei sempre ugualmente ricercato. Quale pensi sia il segreto della durata e della sopravvivenza nel “ring” televisivo?

– Amo il mio lavoro. Io e lui ci siamo trovati e ci siamo dati molto. Non c’è una grande filosofia o equazione qui. Ho un’energia pazzesca con la quale cerco di “contagiare” tutto ciò che mi circonda. Sono tenace e so che a tutti sembra che il mio lavoro sia facile. Penso che sia perché mi sono davvero divertito. Sono leale con i miei colleghi, sento il formato che rappresento, rispetto i miei ospiti.

E, nel complesso, com’era la tua carriera quando ti sei voltato indietro?

– Direi – sano e ricco.

Vladimir Bijeli

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.