L’ondata di pandemia finirà a luglio…

Il Professore di Pneumologia, parlando a SKAI, prevede che a luglio finirà l’ondata di pandemia iniziata il 1 giugno nel nostro Paese, come accaduto in Portogallo.

Ha sottolineato che il coronavirus è diventato più contagioso, ma non provoca malattie gravi e non uccide.

“La buona notizia sul coronavirus arriva dal Sud Africa e l’abbiamo vista nel nostro Paese negli ultimi 6 mesi. Questa mutazione non crea polmonite, il che significa che non causa malattie gravi, le persone non devono andare in ospedale, essere intubate e non muoiono”, ha detto tipico.

In questo contesto, ha sottolineato che il numero di casi o di infezioni da solo non significa nulla.

Tuttavia, ha spiegato che c’erano anche persone che affrontavano problemi di salute, e anche prima del coronavirus con semplici infezioni che avevano. “Da gennaio in poi abbiamo in ospedale persone che hanno in media più di 80 anni e le loro comorbilità sono un grosso problema. Questi sono la maggior parte dei pazienti che abbiamo e dobbiamo proteggerli”, insiste Pak Gourgoulianis. suscettibile di essere vaccinato anche con la quarta dose.

Prevede infatti che a luglio finirà l’ondata di pandemia iniziata il 1 giugno nel nostro Paese, come accaduto in Portogallo.

Come ha detto, sperimenteremo costantemente nuove mutazioni con una trasmissione crescente, che ovviamente sarà accompagnata da una malattia più lieve. “Se il virus diventa più contagioso, non uccide. Perché se uccide le persone, non sopravviverà”, ha concluso.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.