L’Italia ora richiede la vaccinazione per chi ha più di 50 anni

Secondo la decisione del Consiglio dei Ministri del governo Draghi, recentemente completata, la vaccinazione dei cittadini di età superiore ai 50 anni è diventata obbligatoria in Italia.

Sostanzialmente sono state adottate due strade: per i cittadini di età superiore ai 50 anni che non lavorano è richiesta direttamente la vaccinazione obbligatoria. Per i cittadini, sempre coetanei, che lavorano (nel pubblico, nel privato, nel commercio o altrove) il “super green pass” (che richiede almeno due dosi di vaccino) è esteso all’uso dei mezzi di trasporto e all’accesso a teatri, cinema, bar, ristorante, stadio, conferenza.

Gli italiani così come gli stranieri che risiedono nel Paese avranno tempo fino al 15 febbraio per adeguarsi a questa nuova decisione.

Dopo lunghe trattative, in termini di offerta di servizi e attività aperte al pubblico (banche, poste, uffici dell’Istituto Superiore di Sanità, ma anche parrucchieri), è stato adottato il “semplice pass verde”. Ciò significa che l’accesso a clienti e assicurati sarà consentito a coloro che sono stati vaccinati, ma anche a coloro che non l’hanno fatto.

Una parte del sindacato italiano ha commentato il provvedimento, sottolineando che erano necessarie decisioni più audaci e che la vaccinazione obbligatoria dovrebbe essere estesa alla new age e alle categorie occupazionali.

“Due terzi dei pazienti affetti da coronavirus in terapia intensiva e il 50% di quelli ricoverati nei reparti ospedalieri non sono vaccinati. Dobbiamo ridurre il numero di persone non vaccinate e, di conseguenza, i ricoveri ospedalieri”, ha affermato il ministro della Salute Rob Speranca.

“Siamo i primi ad adottare la vaccinazione obbligatoria per i cittadini con più di 50 anni. Perché siamo anche i primi ad adottare un permesso di vaccinazione verde. Allo stesso tempo, abbiamo deciso di avere la massima flessibilità in termini di rafforzamento del lavoro a distanza”, ha aggiunto. Amministrazione dello Stato, Renato Bruneta.

Fonte: AMPE

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.