L’Italia aderisce all’embargo energetico dopo il massacro di Bucha – EURACTIV.com

Funzionari del governo italiano hanno approvato una proposta per fermare le importazioni di gas e petrolio da Mosca. Il boicottaggio era appropriato in risposta alla guerra in Ucraina e alle recenti atrocità nella città di Bucha.

“Non abbiamo mai posto il veto alle sanzioni dell’UE e non le fermeremo in futuro. Le atrocità di Bucha ci mostrano non solo che la guerra in Ucraina non è finita, ma anche che la sua intensità e le atrocità continuano ad aumentare”, ha detto lunedì all’ANSA il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

In precedenza ha incontrato i suoi omologhi sloveni e croati a Zagabria.

“Al momento è molto difficile giustificare e tollerare la dipendenza energetica dalla Russia”, ha ammesso domenica (3 marzo) Roberto Cingolani, ministro della Transizione per l’ecologia.

“Il tempo è scaduto”, ha detto sabato Enrico Letta, vicesegretario del Partito Democratico italiano, chiedendo: “Quanti altri boocha devono accadere prima di passare a un embargo completo su petrolio e gas alla Russia?”

Tuttavia, l’embargo sul gas russo rischia di avere ripercussioni drastiche, anche in Italia.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, l’Italia ha accelerato il processo di diversificazione energetica. Roma sta cercando di trovare una fornitura alternativa di gas dalla Russia, che finora ha soddisfatto il 40 per cento del fabbisogno energetico dell’Italia.

Per sostituire i 29 miliardi di metri cubi di gas importato da Mosca, il governo italiano ha cercato accordi con Algeria, Libia, Mozambico, Congo, Angola, Qatar e Azerbaigian.

Insieme alla Germania, l’Italia è stata di gran lunga uno dei maggiori ritardatari quando si tratta di sanzioni energetiche. Il crollo del governo a Roma aumenterà ora la pressione sul governo federale.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.