L’ex premier italiano propone la Confederazione Europea

“E’ giusto aprire la porta a Paesi che condividono le stesse aspirazioni di libertà e democrazia”, ​​ha affermato l’ex presidente del Consiglio, secondo i media italiani. Letta, presidente del Partito Democratico (PD), che ha co-governato a Roma, ha sostenuto la formazione di una Confederazione europea composta da UE-27, Ucraina, Georgia, Moldova, Macedonia del Nord, Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia e Kosovo composto. In questo modo, l’Ucraina e altri paesi in attesa di entrare nell’UE possono prendere parte alla vita pubblica in Europa e allo stesso tempo continuare il percorso verso l’adesione all’UE.

Ucraina: l’adesione all’UE è possibile solo nel 2036

“Secondo le regole attuali, l’Ucraina non potrà aderire all’UE fino al 2036. Ciò è in netto contrasto con le promesse fatte oggi e le crescenti aspettative. Per evitare frustrazioni, ho presentato l’idea di una Confederazione europea composta da 27 paesi dell’UE membri e nove paesi candidati all’UE, inclusa l’Ucraina, ha scritto Letta su Twitter.

L’Europa deve essere “riformata” per essere più solida. “Questo è un impegno storico”, ha detto Letta. La confederazione, che potrà essere costituita entro un anno, promuoverà il dialogo politico tra i 36 membri. Può essere un’istituzione che abilita “decisioni congiunte”, a cominciare dalla “difesa della pace, della sicurezza e della promozione di un modello di sviluppo giusto e sostenibile”. “La guerra in Ucraina sottolinea l’importanza di un allargamento riuscito”, ha sottolineato il leader del Pd.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.