L’arte deve essere uno spazio di libertà

La particolarità del Teatro Dah si riflette nella sua durata, poiché siamo entrati nel 31° anno della sua istituzione, che per molti standard è un’esperienza solida e nelle nostre circostanze qualcosa di quasi impossibile, considerando che siamo un collettivo artistico indipendente e professionale. impegnata nelle arti performative, racconta la regista Dijana Milošević per “Politika”, la first lady del Teater Dah, che ha parlato della sua particolarità, un nuovo passo avanti,

– È molto importante mantenere quel fuoco della creazione, la necessità di intervenire nella società con l’art. Né io né i miei compagni ci siamo mai interessati all’intrattenimento, all’oblio, all’evasione. Crediamo che le arti, in particolare le arti dello spettacolo, abbiano il potere di guidare processi importanti nella società, come la riconciliazione o la guarigione, o di porre domande spesso imbarazzanti in pubblico che portano alla riflessione e alla fine al cambiamento. La nostra espressione si è sempre affidata all’arte contemporanea, alla musica, alla danza contemporanea, abbiamo sperimentato varie forme e cercato di allargare i confini nella comprensione delle arti performative – ha affermato il nostro interlocutore e ha aggiunto:

– Il nostro spettacolo nasce dalla grande domanda e dalla necessità di esplorare in profondità un argomento che di solito ci ferisce, ci perseguita e utilizza i modi insiti nell’arte new age, che si basa sul montaggio, sulla drammaturgia parallela, sulla logica del sonno. Non sono affatto interessato alle storie lineari, perché penso che le nostre percezioni funzionino in modo diverso e portiamo sempre il pubblico in un viaggio emozionante, dove c’è molto spazio per il loro significato personale. L’arte e le performance che offrono un significato presentato e narrazioni eccessivamente semplificate non sono solo noiose per me, sono fasulle. Vogliamo vivere in una società democratica, ma ciò che spesso ci viene offerto sul palco è un’interpretazione autocratica, in cui non viene valorizzato il potere del pubblico e di ogni spettatore di pensare in modo indipendente. E poi ci chiediamo con cosa viviamo nel modo in cui viviamo. L’arte deve essere uno spazio di libertà, non è solo un’espressione, deve essere vissuta e noi otteniamo quella libertà attraverso le nostre performance e progetti.

Che il Respiro del Teatro mantenga il fuoco acceso è sottolineato dai nuovi piani che stanno proseguendo. L’ultimo spettacolo che hanno fatto, “Dancing Trees”, è stato creato in collaborazione con l’Istituto per la Danza Artistica di Belgrado, che hanno suonato solo poche volte, perché realizzato per un parco pubblico.

– Dobbiamo aspettare la primavera per riprendere lo spettacolo. Questo è un dramma che affronta l’importanza degli alberi per la vita umana, specialmente nelle città, e vuole mobilitare i nostri concittadini per combattere il disboscamento e la distruzione di alberi e foreste, cosa che purtroppo sta accadendo in massa a Belgrado e in tutto il paese e tutto allo scopo di produrre individui. Abbiamo in programma di fare questo spettacolo a Belgrado, ma anche in molti altri luoghi, e suonarlo a livello internazionale con l’idea di collaborare con artisti locali, che faranno parte del nostro team artistico – afferma Diana Milosevic.

Dah Theatre è partner di numerosi progetti europei che trattano vari temi, come l’ecologia e il cambiamento climatico, la violenza contro le donne e le ragazze, i diritti umani… nel progetto Feith, sostenuto dal programma dell’Unione Europea “Creative Europe”.

– Questo è un progetto che si occupa dell’inclusione dei migranti in Europa in progetti e processi artistici con l’idea di una cooperazione professionale, e siamo stati ospiti con lo spettacolo “Earth” diretto da Jadranka Andjelic e il mio spettacolo di conferenze “25 bicchieri di vino”. A giugno siamo stati invitati all’Ex Theatre Fest di Pancevo e ad agosto al Nishville Theatre Festival con “Trees Dances”. Dopo le vacanze, avremo più apparizioni e viaggi come ospiti grazie alla cooperazione su progetti, come Islanda, Irlanda, Germania – ha affermato il direttore del Dah Theatre.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.