Lambsdorff “nervoso per la coesione europea se regna Giorgia Meloni”

  1. Pagina iniziale
  2. politico

Fatto:

Da: Anna Katharina Ahnefeld

L’Italia vota il 25 settembre, molto probabilmente a destra. Il politico straniero FDP Graf Lambsdorff sulla volontà politica e le possibili conseguenze delle elezioni.

Berlino/Roma – L’Italia si sposterà a destra. Il 25 settembre, a seguito delle dimissioni del capo del governo apartitico Mario Draghi, si terranno nuove elezioni nella terza economia dell’UE. L’alleanza di estrema destra del partito postfascista Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia), Lega Nord di estrema destra di Matteo Salvini e Forza Italia, allineata con Silvio Berlusconi, ha buone possibilità di vincere le elezioni. La candidata più promettente per la carica di primo ministro è la politica di estrema destra Giorgia Meloni, il cui fratello italiano è stato in cima alla lista nei recenti sondaggi d’opinione.

Ha parlato con il politico straniero FDP e il vice leader del gruppo parlamentare Alexander Graf Lambsdorff Mercurio di Monaco da IPPEN.MEDIA sull’effetto della vittoria elettorale di Giorgia Meloni in Ue, sulla possibile alleanza di destra dell’Ucraina – e sulla possibile fine della guerra di invasione russa in Ucraina.

Il politico dell’FDP Alexander Graf Lambsdorff è preoccupato per la coesione europea se Giorgia Meloni vincesse le elezioni. © FDP

Elezioni italiane: il politico straniero FDP Graf Lambsdorff su Giorgia Meloni, i suoi effetti sull’Unione Europea e Berlusconi

Il 25 settembre ci saranno nuove elezioni in Italia. I partiti di destra sono in aumento. Quanto è profonda la crisi della democrazia italiana e quali sono le ragioni?

Come è noto dall’Italia, le nuove elezioni arriveranno dopo pochissimo tempo. Ma questa non è una crisi sistemica nella democrazia italiana. In Italia i cambi di governo sono praticamente all’ordine del giorno. Durante i 16 anni di Angela Merkel, l’Italia ha avuto nove primi ministri. Ciò che è straordinario, tuttavia, è che un partito nazionale di estrema destra ha guidato le elezioni.

Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni come Chair.

Adeguata. Se vincerà le elezioni, e gli attuali sondaggi puntano in quella direzione, potrebbe crearci qualche problema in Europa e in politica estera in futuro. Tuttavia, a differenza della Germania, l’Italia è riuscita a ridurre su larga scala le due camere del parlamento. Questo dimostra che la democrazia funziona in Italia.

Il previsto spostamento a destra non significa necessariamente una democrazia funzionante. Perché Giorgia Meloni ha così tanto successo?

Dopo il crollo della Democrazia Cristiana, il panorama dei partiti conservatori in Italia ha subito grandi cambiamenti. Forza Italia di Silvio Berlusconi è stata a lungo la forza dominante, poi è arrivata la Lega Nord, ma anche Matteo Salvini è rimasto deluso durante il suo regno. Ora è la volta dei Fratelli d’Italia, i fratelli italiani, nel campo conservatore. Mi dispiace, sarebbe meglio se tu avessi un partito democristiano abbastanza conservatore. Fratelli decisamente no. Ma poiché le forze di estrema destra che hanno dominato l’Italia per decenni sono semplicemente scomparse, il panorama dei partiti in questa parte dello spettro politico è cambiato notevolmente.

Come classificheresti le nuove ambizioni di Silvio Berlusconi in questo contesto?

Silvio Berlusconi fa fatica a rimanere diplomatico. Come primo ministro, non è un fulgido esempio di grande capacità di governo. Il suo comportamento personale ha danneggiato gravemente la politica italiana a livello internazionale, ma anche la classe politica in Italia stessa. Se la gente lo vota, è un loro diritto. Ma credo che uno come Berlusconi, che ha più di 80 anni, non sia il futuro della Repubblica italiana.

Il futuro, invece, potrebbe appartenere al politico di destra Meloni. La sua vittoria elettorale avrà il potenziale per far precipitare l’Unione Europea nel caos?

L’Italia è uno dei membri fondatori dell’Unione Europea e la terza economia più grande. I Trattati Ue non si chiamano Trattati di Roma a caso: sono stati firmati a Roma. Il governo italiano, che si opporrà alla cooperazione con l’Unione Europea, ha quindi chiaramente il potenziale per danneggiare l’Unione Europea. In passato la sig. A Meloni piace lavorare con partiti nazionalisti di estrema destra come il partito di Jarosław Kaczyński in Polonia o il partito di Viktor Orbán in Ungheria. Sono preoccupato per la coesione europea se regna la signora Meloni.

Abbracciando Viktor Orbán, scetticismo Ue e forte senso di nazionalismo: l’Italia, sotto Giorgia Meloni, correrà il rischio di farcela da sola in politica estera?

Non puoi escluderlo completamente. I partiti conservatori in Italia sono stati tradizionalmente ben versati nella politica russa. Ma credo che l’attacco russo all’Ucraina abbia sensibilizzato alcune persone anche a Roma. L’Italia è membro della NATO da decenni: uno dei più grandi comandi della NATO ha sede a Napoli. Pertanto, il mio forte auspicio è che l’Italia, chiunque governi, appoggi la politica della nostra alleanza occidentale che abbiamo elaborato in questi mesi in risposta a questa terribile guerra.

I potenziali alleati di Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, sono sempre stati vicini a Putin e Salvini ha persino messo in dubbio le sanzioni contro la Russia. La Meloni, invece, è impegnata nella Nato e nelle consegne di armi all’Ucraina. Quindi sembra esserci un potenziale conflitto. Quali corsi di ucraino ci si possono aspettare nell’ambito di questa alleanza legale?

Questo mostra quanto possono essere complicate le cose. SM. Meloni vuole lavorare con l’anti-russo polacco Mr. Mr. Kaczyński e l’Ungheria filorussa. Orban. Dovrebbe essere possibile mantenere l’Italia come un partner affidabile nell’alleanza occidentale, con tutte le conseguenze che ne conseguono. Matteo Salvini e Silvio Berlusconi sono entrambi testamenti politici. Se c’è un’alleanza legale e la sig. Meloni essendo presidente del Consiglio, si può solo sperare che vinca contro questi due partner della coalizione.

Quindi, è la sig. Meloni è meno malvagia in questo trio?

Tra i ciechi, quella con un occhio solo è la regina, come puoi vedere.

Informazioni su IPPEN.MEDIA

Esso IPPEN.MEDIA-Netzwerk è uno dei più grandi editori online in Germania. Nelle sedi di Berlino, Amburgo/Brema, Monaco, Francoforte, Colonia, Stoccarda e Vienna, i giornalisti della nostra redazione centrale ricercano e pubblicano più di 50 notizie. Ciò include marchi come Münchner Merkur, Frankfurter Rundschau e BuzzFeed Germany. Le nostre notizie, interviste, analisi e commenti raggiungono ogni giorno più di 5 milioni di persone in Germania.

Guerra russo-ucraina: il politico dell’FDP Graf Lambsdorff su una possibile fine della guerra

Diamo un’occhiata a quello che attualmente è il più grande problema in Europa: la guerra russo-ucraina infuria da più di sei mesi. Il segretario di Stato federale Annalena Baerbock (Verdi) pensava già che la guerra sarebbe andata avanti per anni – te lo aspettavi anche tu?

Sì. Stiamo assistendo alla tradizionale guerra di terra in cui l’attaccante non raggiunge rapidamente i suoi obiettivi di guerra e ora sta procedendo in un modo completamente diverso. La vedo allo stesso modo del ministro degli Esteri: ci sono molte indicazioni che Vladimir Putin continuerà a perseguire i suoi obiettivi, vale a dire lo smantellamento dello stato ucraino e la distruzione dell’identità ucraina, per molti anni a venire.

Allo stesso tempo, gli obiettivi di guerra di Volodymyr Zelenskyy sono cresciuti e il presidente ucraino ora punta a riconquistare anche la Crimea. Da dove viene questo cambiamento?

Volodymyr Zelenskyy ha fatto un punto del tutto evidente: l’obiettivo della guerra era ripristinare l’integrità territoriale dell’Ucraina. È militarmente difficile e non posso giudicare quanto sia realistico. Sono un po’ scettico. Ma ovviamente dovrebbe essere l’obiettivo politico di un presidente riprendere il controllo dell’intero territorio del suo Paese. In tal modo, ha chiarito a tutti gli scettici in Occidente che i negoziati con la Russia erano impossibili nelle condizioni attuali. Dopotutto, vediamo crimini commessi sul territorio ucraino, contro civili ucraini, contro prigionieri di guerra ucraini.

Infine, delineiamo i possibili scenari per porre fine alla guerra. Come si possono portare a termine le negoziazioni e chi è un mediatore idoneo? Non ci saranno negoziati bilaterali, questo è chiaro.

Il continuo sostegno dell’Ucraina, anche con armi pesanti, è un prerequisito per negoziati che non si traducano in una pace dettata in cui la Russia detta semplicemente cosa fare. Penserei all’ONU come a un mediatore, come il Segretario generale o l’alto diplomatico da lui assegnato.

E la Germania o la Turchia?

Il presidente turco Recep Erdogan partecipa attivamente ai negoziati. Tuttavia, paesi come la Norvegia e la Finlandia, che in passato hanno spesso organizzato negoziati dietro le quinte, hanno tradizionalmente avuto successo in tali missioni. Ma quando arriverà il momento e fino a che punto si spingeranno i negoziati, l’Ucraina dovrà decidere. Ecco perché dovrebbe essere in grado di prendere questa decisione con fiducia. Ciò richiede ulteriore assistenza dalla Germania e da altri paesi occidentali.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.