Lago Zaravina “sconosciuto” a Pogoni, Ioannina

La storia del lago “deriva” dai tempi antichi, la ritroviamo nell’occupazione turca, al tempo di Ali Pascià, nei resoconti dei viaggiatori dell’epoca, nella storia della Grecia moderna, in prima linea nel 1940, nella lotta degli omonimi abitanti del villaggio per la sua protezione

Sulla strada nazionale Ioannina-Kakkavia, 14 chilometri prima della stazione di confine, questo percorso offre ai turisti viste sulla splendida natura del Lago Zaravina, che si erge attraverso un boschetto di querce.

La storia del lago “va indietro” dai tempi antichi, la ritroviamo nell’occupazione turca, ai tempi di Ali Pascià, nei resoconti dei viaggiatori di quel tempo, nella storia della Grecia moderna, in prima linea nel 1940 , nella lotta degli omonimi paesani per la sua protezione.

Il paesaggio acquatico copre circa 300.000 metri quadrati ed è stato creato dall’attività sismica migliaia di anni fa. Il fondo del lago ha una forma conica. Le acque sono limpide e fortemente profonde, mentre la profondità è stimata in 31 metri, forse di più.

Gli abitanti della zona, dal profondo del tempo, per distinguere il loro paese dal lago, gli hanno dato i nomi Nigeros, che secondo studiosi e storici deriva dal latino, e Nezeros, che in slavo significa lago.

Tuttavia, non è possibile rispondere con certezza alla domanda se il villaggio di Zaravina abbia preso il nome dal lago o viceversa.

Accanto al lago passa la vecchia strada, i cui resti sono ancora lì. È considerata parte della strada che anticamente collegava la Grecia meridionale con Argyrokastro, Durazzo e successivamente con l’ex strada Egnatia.

Negli ultimi anni ci sono state locande in questa strada, la più famosa delle quali è Zaravina, dove ha pernottato lo storico e studioso greco antico, Nicholas Hammond d’Inghilterra.

Ha notato che lì “ha assaggiato un delizioso pesce di lago”. Riferimenti al lago possono essere trovati anche in precedenza, nel 19° secolo, da Francois Pouqueville, il console francese a Giannina al tempo di Ali Pascià. Nei suoi appunti scrisse che il lago si trovava in un cratere vulcanico, a causa della forma conica sul fondo, e che Ali Pasha avrebbe scavato nella zona per zolfo”.

Zaravina era in prima linea nel 1940. Lì le truppe italiane subirono perdite dopo il contrattacco greco. Secondo le testimonianze dei residenti, nel lago sono affondate diverse cisterne italiane, di difficile verifica per la sua morfologia di base.

Leggende e superstizioni

Credenze popolari e leggende circondano il lago. Alcuni dicono che sia senza fondo, o che sul fondo ci sia un varco che lo collega al fiume Drina.

Il Presidente della Comunità Locale di Zaravina, Giorgos Kalegias, parlando ad APE-MBE, ha affermato che il Lago Zaravina e il raggio di 500 metri che lo circonda sono stati designati Sito di Speciale Bellezza Naturale “come il nucleo del sistema ecologico” da un ministero decreto del 1983.

Oggi è tutelato dalle disposizioni della Legge 3937/11 [ΦΕΚ 60, τ. Α] “Conservazione della biodiversità e altre disposizioni” e si trova all’interno della più ampia area Natura 2000 con il codice GR 2130010.

Dalla liberazione di Ioannina, il Lago Zaravina è considerato privato. Con la vecchia battaglia legale, iniziata nel 1989 con n. 209/2011 la decisione della Corte d’Appello di Giannina è trasmessa alla giurisdizione dello Stato.

Zaravina è una proposta di svago estivo per i residenti di Gianni che nuotano nelle sue fresche acque e per i residenti della zona di Pogoni il loro vantaggio comparativo, per il suo valore estetico e ambientale.

Kalegias riferisce che nelle calde giornate di giugno, luglio e agosto, quando i villaggi della zona sono pieni di emigranti, il lago è animato. È diventato famoso in tutta Europa, poiché molti turisti con le loro roulotte parcheggiano sulle sue spiagge.

La zona della sponda del lago è anche un luogo ideale per eventi culturali. Il Comune di Pogoni in collaborazione con la comunità vuole approfittarne organizzando un concerto all’anno.

“E a tal fine occorre adottare tutte le misure necessarie per trovare una soluzione affinché parti di diversi ettari dell’intera area possano essere utilizzate, a beneficio dei bagnanti, rispettando al contempo le altre parti protette, in secondo la normativa vigente.” Kalegias ha precisato e proseguito: “Il Comitato del Ministero dell’Interno con una richiesta al Vice Ministro Amyras Georgios di occuparsi della materia ai sensi della Legge 3937/2011”.

Fonte: RES-EMP

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.