L’addio di Berlusconi apre la corsa alla presidenza italiana – Politica

L’ultimo colpo di stato era esploso, e questa volta era davvero l’ultimo. Silvio Berlusconi non si candiderà alle elezioni presidenziali, che inizieranno lunedì alle 15 alla Camera dei Deputati di Roma con il primo turno. Si diceva che fosse stanco, amareggiato e disilluso, secondo i giornali italiani che avevano chiesto informazioni al suo entourage. Talmente deluso da non voler nemmeno comparire di persona all’importante videoconferenza con i suoi alleati di destra, con Matteo Salvini della Lega e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia. Berlusconi gli fece leggere da uno dei suoi amici più fedeli un comunicato in cui descriveva il suo rifiuto come un segno di “responsabilità nazionale”. Afferma di avere i voti necessari per l’elezione. Ma questo paese ha bisogno di unità ora. L’Italia non poteva permettersi le inutili “polemiche e processi” suscitate dal suo nome.

Silvio Berlusconi lavora da settimane per realizzare il suo “sogno”, come racconta a tutti coloro con cui entra in contatto. Presidente della Repubblica – lo sognava da bambino. Ha perso almeno 50 voti dal “grande elettorato” per le elezioni del quarto turno, quando non era più necessaria una maggioranza di due terzi, ma solo una maggioranza assoluta di 505. I voti dovevano provenire da parlamentari che altrimenti gli erano vicini. I media hanno chiamato questo corteggiamento affrettato “Operazione Scoiattolo”. Si dice che il ricco imprenditore dei media abbia fatto molte offerte, comprese alcune indecenti. Si è preso il suo tempo fino all’ultimo momento, meno di 48 ore prima delle elezioni. Tuttavia, alla fine, dobbiamo presumere che il suono da solo non sia sufficiente. Si dice che lo stress gli impedisca di dormire e che i medici ei suoi figli siano preoccupati. Berlusconi ha 85 anni.

E adesso? La destra pensa di avere il diritto di fare proposte perché ha più seggi in parlamento della sinistra. Ma chi dovrebbe essere e come dovrebbe procedere non è chiaro: “Operazione Scoiattolo” ha messo tutto in sospeso.

Nella sua lettera di rinuncia, Berlusconi spera che il governo del presidente del Consiglio Mario Draghi continui il suo lavoro e proseguirà fino alla fine dell’attuale legislatura nella primavera del 2023. Ma questo infastidisce Meloni, che preferisce che il governo crolli presto e si tengano elezioni anticipate : il suo post-fascista, quando è l’unica opposizione del Paese, molto in alto nei sondaggi – e se ne vogliono approfittare. Quello. Salvini, invece, vuole essere il kingmaker da fingere di testa a destra, ed è per questo che ha scelto di non giocare ancora le sue carte.

Aumentano le possibilità di Pier Ferdinando Casini, che va sottoterra

Sono in discussione alcuni possibili candidati, tra cui Letizia Moratti, ex sindaco di Milano, Maria Elisabetta Alberti Casellati, attuale presidente del Senato, l’ex ministro degli Esteri Franco Frattini e l’ex presidente del Consiglio socialista Giuliano Amato. Ma accanto a Draghi, l’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini sembra avere le migliori possibilità di diventare presidente. Il candidato di compromesso sarebbe il 66enne democristiano bolognese. Era in politica con Berlusconi nel cosiddetto “Polo della Libertà”; Da qualche anno è passato ai socialdemocratici del Partito Democratico, dove siede al Senato. Casini è quasi del tutto scomparso nelle ultime settimane quindi se ne parla poco. Di solito, il candidato tanto discusso si esaurisce rapidamente.

L’indecisione sui diritti potrebbe impedire alle istituzioni politiche di concordare all’ultimo minuto personalità al di fuori dei confini dell’alleanza che avrebbero ottenuto abbastanza voti al primo scrutinio. Il caos dilaga, scrive il giornale. C’è ancora chi vuole convincere il presidente Sergio Mattarella che uscirà per allegare il mandato. Ma non vuole, lo ha detto abbastanza spesso nelle ultime settimane. Devi forzarlo in una certa misura. Mattarella vive nella sua città natale, Palermo, mentre il suo portavoce a Roma ha postato su Twitter una foto che ritrae il suo ufficio al Quirinale con tante scatole da trasloco – con il messaggio: “Weekend duro”.

Una sorta di cabina elettorale drive-in è stata allestita nel parcheggio di Palazzo Montecitorio affinché tutti i 1.009 “grandi elettori” che vorranno poter partecipare alle elezioni, tra cui una trentina di persone attualmente in quarantena. I senatori, deputati e delegati regionali risultati positivi hanno guidato, sono rimasti nelle loro auto, hanno scritto i loro nomi su un pezzo di carta lì, lo hanno consegnato e se ne sono andati di nuovo. Solo 200 elettori alla volta erano ammessi nel grande palazzo e solo 50 nell’auditorium. E la sala deve essere disinfettata tra ogni votazione. Questo per evitare che molte persone vengano infettate dal virus durante queste elezioni.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.