La polizia italiana ha scoperto un commercio fittizio di miliardi con il coinvolgimento di una compagnia ceca

Secondo la guardia di finanza, nelle attività illegali sarebbero stati coinvolti due gruppi criminali con attività diverse. Il commerciante di rottami metallici ha effettuato acquisti fittizi da società con sede nella Repubblica ceca e in Slovenia, i cui nomi non sono stati divulgati dalla polizia. In questo modo ottengono documenti e certificati. Usano i documenti per provare l’origine dei rottami metallici di aziende che operano nell’economia sommersa. Inoltre, il rottame non è compreso nella categoria dei rifiuti e può essere venduto ad altre aziende. Secondo la polizia, le persone indagate in questo modo non hanno riferito di aver venduto 150.000 tonnellate di rottami metallici dal 2013.

A causa di transazioni fittizie, le società italiane hanno inviato ingenti pagamenti a banche ceche e slovene, ma allo stesso tempo, secondo la polizia, hanno avuto problemi a restituire denaro in Italia. Un’alleanza con uomini d’affari cinesi che hanno tratto profitto dal commercio di tessuti neri doveva aiutarli. In base al regime, le società ceche e slovene inviano pagamenti alla Cina per importazioni fittizie di metalli. Successivamente, l’imprenditore cinese ha pagato agli italiani l’importo inviato in contanti.

Secondo la polizia, l’indagine sulle frodi è molto impegnativa. “Senza intercettazioni, sorveglianza e, soprattutto, senza l’uso di microcamere, non saremmo mai stati in grado di rilevare questo meccanismo”, ha detto il colonnello Stefano Commentucci, comandante della guardia di finanza di Pordenone.

Secondo la polizia, l’inchiesta ha emesso una fattura fittizia del valore di 309 milioni di euro (7,9 miliardi di corone) ed è riuscita a inviare 150 milioni di euro in Cina. Gli investigatori hanno arrestato cinque persone e altre 50 stanno indagando. Sequestrati anche 66 milioni di euro (circa 1,7 miliardi di corone). Secondo gli inquirenti, l’attività è stata coordinata da cinque uomini del nordest italiano.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.