La nuova tempesta di sabbia porta alla chiusura di aeroporti, scuole e servizi pubblici

Aeroporti e servizi pubblici chiusi, esami scolastici e universitari sospesi: gli iracheni oggi si sono svegliati con un familiare cielo arancione a seguito di una nuova forte tempesta di sabbia nel loro Paese, dove questo fenomeno climatico sta peggiorando.

Il 5 maggio, l’ultima tempesta di sabbia in Iraq ha causato problemi respiratori ad alcuni residenti. Di conseguenza una persona è morta e più di 5.000 hanno dovuto essere ricoverate in ospedale.

Al mattino presto, i tetti delle case, le auto parcheggiate in strada e persino i mobili all’interno delle case erano ricoperti da uno spesso strato di polvere gialla molto fine, secondo un corrispondente dell’AFP. Una fitta nuvola di polvere ha impedito ai residenti di vedere gli edifici che si trovavano a pochi metri di distanza.

A causa della “bassa visibilità a 300 metri”, le autorità dell’aeroporto internazionale di Baghdad hanno annunciato “chiusure dello spazio aereo e interruzioni del traffico in aeroporto” per tutto il giorno, secondo l’agenzia di stampa ufficiale INA.

Allo stesso tempo, anche l’aeroporto di Najaf, la città santa sciita nel sud dell’Iraq, e l’aeroporto di Sulaymaniyah, nella regione autonoma del Kurdistan iracheno a nord, sono stati chiusi, secondo l’agenzia di stampa ufficiale irachena.

Le autorità della capitale irachena Baghdad, compreso il Ministero dell’Istruzione, hanno dichiarato giorno festivo i funzionari del governo locale, ad eccezione dei servizi sanitari, e centinaia di persone a Baghdad e in altre città sono state ricoverate in ospedale per problemi respiratori. .

Almeno sette delle 18 province del Paese, compresa Baghdad, hanno annunciato la chiusura dei servizi pubblici, ad eccezione della manutenzione.

Inoltre, tutte le scuole del Paese restano chiuse oggi e gli esami sono posticipati domani, secondo l’annuncio del Ministero dell’Istruzione. Rinviati anche gli esami universitari.

Secondo il servizio meteorologico, la nuvola di polvere si dissiperà gradualmente da stasera.

Almeno una tempesta di sabbia alla settimana ha colpito l’Iraq nelle ultime settimane, la peggiore, dicono gli iracheni, dell’epidemia che ricordano.

“Ora succede ogni tre o quattro giorni”, ha detto a Reuters il tassista 23enne Ahmed Zaman. “Questo è chiaramente il risultato del cambiamento climatico e della mancanza di pioggia, quando c’è vento crea solo polvere e sabbia”, ha aggiunto.

“Abbiamo 75 casi di problemi respiratori”, ha detto Ihsan Maulud, medico del pronto soccorso di un ospedale di Baghdad. “Se necessario, usiamo i respiratori”, ha detto.

Secondo un funzionario del ministero dell’Ambiente iracheno, nei prossimi due decenni l’Iraq dovrebbe affrontare “272 giorni di polvere” all’anno ed entro il 2050 raggiungerà il limite di 300 giorni.

L’Iraq è il quinto Paese più vulnerabile al mondo alla crisi climatica, secondo le Nazioni Unite.

La siccità e le temperature estreme hanno colpito le zone rurali e hanno reso gran parte del paese praticamente inabitabile durante i mesi estivi. Il paese ha anche registrato temperature record di almeno 52 gradi Celsius negli ultimi anni.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.