La musica senza il ruggito del pubblico non ha senso

Van Gogh ha fatto conoscere al pubblico lo “spettacolo ad alta tensione”, la buona energia, il “suono musicale”.

Questo è successo anche a Nikšić la seconda notte del festival del lago, che si è tenuto vicino al lago Krupa con lo slogan “La tradizione continua”.

Seguirono i successi della band, che “suonavano con testi e melodie” da 36 anni, il pubblico cantava in coro e una diversa generazione di sostenitori del buon suono rock’n’roll ha mostrato che le “tracce del passato” sopportato. in “Vrtešca”, che “Tana nit” è una via di mezzo tra “Felicità” ed “Estasi”, che il “Mare Senza Costa” può avere la sua “nave di carta” e che “Pendolo” è necessario a tutti “Forse giusto now” perché “Dangerous Dance” non significa necessariamente che “My World” sia .

Sia i membri della band che il pubblico erano implacabili, il cantante Zvonimir ukić ule è rimasto fedele alla battuta originale e ad un certo punto ha fatto sedere il pubblico per offrire immediatamente una scusa musicale per entrare.

“Questo è un concerto ad alta tensione. Non credo che ci sia stato un pubblico più numeroso e il pubblico non è mai stato così energico ed emotivo. È un grande onore per noi esibirci al Lake Fest. Non c’è gioia più grande di quando una band esiste da 36 anni. e ogni album funziona come se fosse il primo. Facciamo affidamento solo sulla nostra sensibilità e istinto, non sulla radio. Non contiamo con le tendenze e lo amiamo in ogni tour, dall’album all’album, abbiamo un pubblico più giovane e più anziano nel pubblico. La loro generazione sostituisce e riconosce la nostra lettera”, ha detto ule dopo l’esibizione.

foto: Svetlana Mandic

E anche i bambini che stanno appena iniziando a sviluppare un gusto per la musica adorano ciò che fa Van Gogh, la generazione più giovane degli spettacoli di prima linea, tra cui Ljubica, sette anni, di Nikšić.

ule lo ha invitato sul palco perché, come ha detto, la speranza è nei giovani.

Per quanto riguarda la ragazza che va al Lake Fest da quando aveva un anno e mezzo, cresciuta ascoltando la musica di Van Gogh, ule ha ringraziato la madre di Ljubica con la canzone “Mama”.

Lubica con la mamma
Lubica con la mammafoto: Svetlana Mandic

“Non c’è gioia più grande di quando vedi tra il pubblico giovani che conoscono ogni lettera di ogni testo. Possa l’universo amare e proteggere i giovani da tutte le calamità che provengono dai media, possano essere rimossi da tutti i programmi realtà e possano rivolgersi a libri, scuole, conoscenza, conoscenza, comprensione, amore, amicizia e buona musica”, ha detto ule.

Crede che attraverso l’educazione si possano superare tutte le piaghe, che tutto provenga da casa e che “l’educazione di strada” segua la crescita.

“Il mix è in qualche modo il migliore. Ci siamo diplomati in quella scuola, non ci manca nulla, rimaniamo quello che siamo, con dignità e orgoglio in tutto ciò che viene realizzato”.

Il festival, diceva Ule, è un fenomeno sociologico. Esistono per unire le persone, per essere amici, e la musica è “il collante divino che le tiene insieme di buon umore”.

“Ogni giorno le cose cambiano sia dentro di noi che intorno a noi, quindi penso che questo sia il festival sul lago più emozionante, bello ed energico che abbiamo mai suonato. Ci sono molti festival nella regione e il gruppo di Van Gogh è onorato di esibirsi in ogni festival . area e tocca il pubblico. La musica senza il fragore della folla non ha senso. Siamo entrati in tutto questo perché la musica ci porta nella grotta della sua bellezza. Suoniamo ogni concerto con sincerità e dedizione, come se fosse il nostro primo e ultimo concerto, e il pubblico lo sente e lo riconosce. È così che sarà finché esistiamo”, ha promesso il cantante della band e ha annunciato un nuovo singolo ad ottobre, e un altro a gennaio, con passione e senza compromessi.

La seconda serata del festival è stata aperta dalla tribute band EKV “Deca iz vode”, che dal 2013 “custode” i tesori musicali creati dall’iconico gruppo.

Dopo di loro, il palco è stato preso dal rap ateo, una band punk rock di Novi Sad, che conosceva da tempo il pubblico di Nikšić.

Hanno scosso i partecipanti al festival, “si schiarivano” la gola, “strinsero” le loro corde vocali e prepararono la passerella per Van Gogh.

festa del lago
foto: Svetlana Mandic

Dopo il leggendario gruppo rock che ha scaldato l’atmosfera in un lampo, è apparso il gruppo Negative.

La rock band che si è formata nel 1999 ed è riuscita a conquistare il cuore del pubblico con il loro primo singolo “Ja bih te sanjala” mostra che nulla è cambiato nel loro atteggiamento nei confronti del pubblico e della musica.

“‘From forever to forever’, questo è il nome della nostra nuova canzone, stiamo ancora sognando e inventando nuove creazioni musicali. Molto è cambiato: siamo maturati, cresciuti e invecchiati, ma l’amore per il la musica è sempre la stessa, forse anche più forte amo il fatto che allo spettacolo vedo molti giovani che non erano nemmeno nati quando il gruppo si è formato e conoscono tutte le nostre canzoni. È un ottimo lavoro per i loro genitori, per certo”, disse l’affascinante Ivana Peters.

Ama lavorare con i bambini, quindi collabora spesso con il Belgrado e il Leontina Children’s Cultural Center, a volte i membri della band “Tap 011” si riuniscono e a Ivana piace esibirsi con loro, così come con altri colleghi, ma ammette che Negativ è la sua casa.

“Siamo nati in un periodo negativo, ci accadono cose negative, ed è per questo che gli abbiamo dato quel nome. Per creare equilibrio, mi è venuta l’idea di definirci negativi. L’hanno accettato, quindi è tutto. non è così difficile quando hai una buona squadra al tuo fianco.Anche l’altro lato del punto di vista è negativo, il punto di vista è diverso. Più significato, ecco perché il nome è così buono. Sono sempre la stessa persona di 25 anni fa, sono appena maturato musicalmente”.

Come sottolinea, ha sempre amato lavorare perché “più persone e più pensieri significano una migliore creazione”, e il contatto con il pubblico è lo “scatto” migliore che lo riprende dalla stanchezza o dal cattivo umore.

“Non è strano suonare in un club dove ci sono molte meno persone, perché lo spettacolo ha un fascino completamente diverso. Quando sono stanco o di cattivo umore, e ricevo una reazione, ricevo il benvenuto che ricevo, è come uno sparo. Senza quel pubblico, non saremmo quello che siamo e non faremmo quello che facciamo”, ha detto Ivana e ha annunciato un nuovo album alla fine dell’anno.

Le serate sono riservate alla musica elettronica ea Ten Walls (Marius Adomaitis) e Lea Dobričić.

Stasera si esibiranno Royal Apartment, KKN (Kanda, Kodža e Nebojša), Bolero, Vojko V., Paul van Dyk e Dejan Milićević.

Un festival per famiglie in cui le nuove generazioni costruiscono il loro gusto musicale

Non è raro vedere genitori con bambini al Lake Fest. È lo stesso con Mitrović di Niki, che porta Anja, due anni, al suo primo festival.

Mitrovic
Mitrovicfoto: Svetlana Mandic

“Veniamo da quando è iniziato il Lake fest e siamo stati in campeggio per anni. Ci siamo sempre divertiti, quindi questa volta è lo stesso. I miei preferiti sono la tribute band dei Metallica e il rap ateo, e sono entusiasta di sentire Bolero perché non ne ho sentito parlare da anni”, dice Miško Mitrovi.

Anche la diciassettenne Tijana Kecojević è stata “agganciata” al Lake Fest dai suoi genitori. Non nasconde il piacere di poter, fianco a fianco con i suoi genitori e amici, ascoltare band che sono state create anche decenni prima della sua nascita.

Tijana con sua madre e i suoi amici
Tijana con sua madre e i suoi amicifoto: Svetlana Mandic

“Vengo al Lake Fest con i miei genitori da tre o quattro anni ormai, e sono un po’ ‘colpevoli’ perché ascolto musica di qualità. È fantastico venire con i miei genitori e divertirmi con loro. La musica è fantastico, e il mio preferito quest’anno è Black Metallica, Van Gogh e Bolero”, ha detto Tijana.

Dragan Merćep di Nikšić vive nel Regno Unito da 23 anni e il Lake Fest “fissa” le date delle sue vacanze annuali.

Merce
Mercefoto: Svetlana Mandic

“Sono venuto dopodomani e sono andato direttamente da Krupac. È un peccato perdere questo festival. Non ci sono andato solo nel primo anno e nel 2006. I miei amici vengono qui ogni anno e ci incontriamo qui. Naturalmente, il mio amico è venuto qui. c’è anche la famiglia Mia figlia, ad esempio, è venuta per la prima volta al Lake Fest quando aveva nove mesi e ora ha dieci anni di “esperienza””, ha detto Dragan.


Notizia

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.