La mossa originale dell’Italia per liberarsi dal gas russo

L’Italia sta adottando nuove misure per ridurre la sua dipendenza dal gas russo, costringendo gli edifici pubblici a spegnere l’aria condizionata.

Secondo le nuove regole, denominate dai media italiani “Termostato di funzionamento”, l’aria condizionata negli edifici pubblici, comprese scuole e ministeri, non può essere impostata al di sotto dei 27 gradi Celsius.

In inverno, il termostato non dovrebbe superare i 19 gradi, anche se sarà consentito un margine di 2 gradi. Fino a poco tempo, gli edifici pubblici erano in grado di impostare il condizionatore d’aria a 26 gradi durante i caldi mesi estivi.

Chi non rispetta può pagare una multa da 500 a 3.000 euro.

Emendamento

Le misure sono state approvate attraverso emendamenti depositati in parlamento la scorsa settimana, a seguito dell’aumento dei prezzi dell’energia e poiché il governo cerca di limitare le importazioni di gas dell’Italia: il paese importa circa il 40% del proprio gas naturale dalla Russia.

Ha notato che Mosca questa settimana ha tagliato le forniture di gas a due membri dell’Unione Europea, Polonia e Bulgaria, sollevando preoccupazioni sul futuro dell’approvvigionamento energetico dell’Europa.

Il testo dell’emendamento, proposto dai legislatori Angela Massey e Davide Crispa del Movimento 5 Stelle Eco-friendly, afferma che l’obiettivo è “ridurre i consumi termici degli edifici e ottenere un risparmio energetico annuo immediato”.

Abbassando il livello di AC, il governo prevede di risparmiare 4 miliardi di metri cubi di gas quest’anno. Le misure entreranno in vigore il 1 maggio e dureranno fino ad aprile 2023.

“Vogliamo la pace o vogliamo l’aria condizionata?” Lo ha detto il primo ministro italiano Mario Draghi in una conferenza stampa all’inizio di questo mese.

Il fabbisogno di gas dell’Italia sarà soddisfatto a ottobre, anche se Mosca chiude i rubinetti, ha affermato il premier italiano.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.