La famosa cantante sarà incarcerata a 30 anni per aver sfruttato un gran numero di ragazze

La star, cantante, cantautore e produttore americano R. Kelly (Robert Sylvester Kelly) è stato condannato oggi a 30 anni di prigione in un tribunale di New York per aver usato la sua popolarità e fama mediatica per esporre i giovani fan, tra cui un gran numero di ragazze, a molestie sessuali sistematiche.

Il cantautore 55enne è stato condannato lo scorso anno per racket e traffico sessuale in un tribunale che per la prima volta ha dato alle vittime la possibilità di parlare perché in precedenza erano state ignorate semplicemente perché erano afroamericane, riferisce l’AP .

Il giudice Ann Donnelly ha condannato gli imputati dopo aver ascoltato la testimonianza di diverse donne sopravvissute che hanno testimoniato che l’abuso di Kelly ha lasciato un segno profondo nelle loro vite.

Mi costringi a fare cose che mi scoraggiano. Voglio davvero morire tanto quanto mi sento inutile. Ti ricordi che? – ha chiesto una delle vittime di abusi sessuali che ha subito salutato Kelija che sedeva con le braccia conserte e gli occhi bassi.

Questa frase segna la fine della popolarità di R. Kelly, l’uomo che ha venduto milioni di album, adorato da milioni di fan anche dopo che le accuse del suo comportamento violento nei confronti delle ragazze hanno cominciato a circolare pubblicamente all’inizio degli anni ’90.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.