La corruzione del governo, ora anche in carriera internazionale

“In Grecia prevalgono le oscure realtà. La corruzione e lo scandalo che Mitsotakis ha promesso di “sterminare” non solo esiste, ma al contrario sembra aggravarsi. Nelle ultime settimane è emerso un nuovo scandalo di intercettazioni, soprannominato “Greek Water Gate” . Kyriakos Mitsotakis ha promesso di fare, si scopre che… uno di loro.”

Questo è quanto riportato, tra l’altro, sul giornale dal giornalista Alexander Clapp Ora di New York nel suo articolo intitolato Il marciume nel cuore della Grecia è ora chiaramente visibile a tutti. E, quando un giornale piace Ora di New Yorkcioè un giornale che 24 ore su 24 serve e promuove gli interessi del grande capitale, ammette e mette in evidenza il marciume del governo Mitsotakis e lo scandalo delle intercettazioni in copertina, è chiaro che le cose non vanno bene per ND…

Scandali ovunque

Certo, alla società, ai lavoratori e ai poveri, “il marciume nel cuore della Grecia”, gli scandali e le politiche antipopolari del governo sono ben noti, perché li viviamo ogni giorno della nostra vita. L’articolo Ora di New York è solo un’immagine della nostra vita quotidiana.

Lo scandalo “Noor 1”, lo scandalo “Novartis”, il denaro distribuito con le “liste Petcha” nei media mainstream per coprire le notizie in un modo “conveniente” per il governo, la “Scuola Ekiku”, una pratica molto palese da parte del governo sperperare -sprecare denaro pubblico e darlo ad “amici” di imprenditori, sono solo alcuni esempi di come i governi gestiscono il denaro pubblico, tengono la bocca chiusa, proteggono i figli del sistema e cercano di rimanere immobili al loro posto. E gli scandali che studiamo sono ovviamente solo la punta dell’iceberg dello sfruttamento e della corruzione.

Intercettazioni: “nulla è escluso”

Nel bel mezzo di questo tempo cupo, è stato rivelato che la National Intelligence Agency (NIS) stava cercando di monitorare le telefonate del leader del PASOK-KINAL, N. Androulakis. Diversi mesi prima, il giornalista Thanasis Koukakis aveva presentato una denuncia simile. La risposta ufficiale di Kyriakos Mitsotakis è stata ridicola per l’intera comunità.

“Quello che è stato fatto può essere stato conforme alla lettera della legge, ma è stato sbagliato. Non lo sapevo e ovviamente non l’avrei mai permesso”.

In effetti, legittima del tutto la sorveglianza e chiama il tentativo di intercettazione di Androulakis un “errore” a causa della sua posizione politica!

Il cinismo e il rifiuto di Mitsotakis di scusarsi, anche per i “tipi”, hanno creato indignazione. Con il passare dei giorni, è diventato chiaro che non solo non avremmo mai saputo l’entità dello scandalo delle intercettazioni, ma anche che coloro che hanno partecipato o stavano partecipando alle intercettazioni non avevano intenzione di fermarle. Un’indicazione è la dichiarazione del nuovo comandante dell’EYP, Themistocles Demiris, alle Istituzioni e alle Commissioni parlamentari per la trasparenza che, alla domanda dei parlamentari, se personaggi politici e giornalisti sono stati monitorati dall’EYP si dice che abbia detto

“Ho avuto il controllo completo dell’EYP negli ultimi 15 giorni, nulla è escluso a priori”

Quindi, nel modo più ufficiale e chiaro, il nuovo comandante dell’EYP ha affermato ciò che il pubblico aveva sempre sospettato. Le intercettazioni sono un metodo praticato in massa da molti anni e continuerà ad essere svolto in nome della “sicurezza nazionale”. Naturalmente, il precedente scandalo ’04-’05 con Vodafone era tipico. In realtà, ovviamente, il concetto di “sicurezza nazionale” non è altro che un’etichetta nascosta dietro la “sicurezza” del sistema e del governo che lo serve. Allo stesso tempo, viene utilizzato per coprire le “accoltellate” interne tra sezioni della borghesia per il dominio dell’una sull’altra.

Energia: lo scandalo dell’overprofit sulle nostre spalle

Inoltre, l’atteggiamento del governo è lo stesso per quanto riguarda l’aumento dei prezzi dell’elettricità. Il governo Mitsotakis ha risposto fornendo sussidi ai “partiti” in cerca di profitto formati da società di fornitura di energia, così “supportare praticamente famiglie e professionisti verso la precisione dell’energia alimentata”.

Così, e mentre il prezzo medio di un kilowattora per settembre raggiungerà una media di 0,9372 euro (mentre ad agosto circa 0,5 euro), il governo per bocca di Kostas Skrekas appare come un “salvatore” che finanzierà fino al 90% dell’aumento e quindi “assorbirà” tale aumento quasi completamente.

Tuttavia, questo aumento vertiginoso è generalmente e vagamente dovuto non alla “crisi energetica” (i prezzi dell’energia non sono aumentati del 100% in un mese!), ma al fatto che le società di fornitura di energia elettrica inserire clausola di riadattamento con il prezzo finale per kilowattora! Questa è la stessa clausola di riadattamento che il governo abolirà, come ha affermato Kyriakos Mitsotakis in uno dei suoi famosi discorsi.

In effetti, quello che sta succedendo è che il governo sta ancora coprendo le compagnie energetiche private, lasciando che continuino a trarre profitto spudoratamente dalle nostre spalle, e poi sovvenzionandole con i soldi del governo (e quindi di noi) per coprire parte dei conti aumentati!

Ancora una volta, coloro che pagano per l’aumento dell’elettricità sono strati di lavoratori e poveri, ma in modo più indiretto – e quindi più “digeribile” -! Se questo non è uno scandalo, allora che cos’è?

Accumulo di rabbia

I media “Petsa list”, ovviamente, ci presentano una realtà completamente diversa. Si occupano di problemi di intercettazione solo quando non possono fare altrimenti. Le notizie sull’aumento dell’elettricità sono coperte da titoli come “1,9 miliardi di euro per sovvenzionare le bollette dell’elettricità a settembre” (capital.gr-23 agosto) e “Incendio” nelle tariffe elettriche: quando saranno annunciati i sussidi statali” (skai. gr- 22 August) nel disperato tentativo di “fare le valigie” per noi. In generale, secondo la stampa urbana, “va tutto bene” e il governo sta facendo del suo meglio in ogni ambito e in ogni nuovo problema che si presenta.

Nonostante i loro sforzi “filantropici”, la realtà è che molti ceti sociali sono stati a lungo “ribollenti”. La tempestività, la povertà, l’oppressione e il sostegno palese agli interessi del capitale sfidano sempre più governi e partiti che chiaramente servono l’oligarchia.

Tuttavia, Mitsotakis e il suo staff erano ancora fiduciosi che sarebbero rimasti al potere. Sottolineando il fatto che SYRIZA non ispira fiducia negli strati più ampi e non sviluppa alcuno slancio come opposizione, credono con arroganza che nulla possa scuoterli.

Lotta e movimento è l’unico modo

Ma non è l’unico governo che si sente abbastanza sicuro da attaccare i diritti democratici e gli standard di vita delle persone. Tuttavia, questa arroganza è stata e continuerà ad essere pagata a caro prezzo dalla borghesia.

L’arrogante primo ministro britannico e leader del Partito conservatore Boris Johnson è stato costretto a dimettersi dopo una serie di scandali. Il presidente dello Sri Lanka Gotabaya Rajapaksa non solo è stato costretto a dimettersi, ma è anche fuggito dal paese quando ha dovuto affrontare massicce proteste antigovernative culminate con l’assalto alla sua residenza presidenziale. In Italia, anche Mario Draghi è stato costretto a dimettersi da presidente del Consiglio, avendo perso il sostegno dei suoi alleati e dell’opinione pubblica italiana.

A livello globale, il sistema deve affrontare una serie di crisi economiche, politiche e sociali. L’unico modo per i governi capitalisti di sbarazzarsi della loro arroganza e fiducia in se stessi, è organizzare movimenti di massa ed esplosioni che, prima o poi, danno vita alle loro politiche. Abbiamo bisogno di un tale movimento, organizzato, massiccio e deciso, anche qui, per fare i conti con le attuali politiche di governo e con il sistema nel suo insieme.

Leggi di più:

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.