Kerry: la crisi climatica non passerà | ultime notizie

Berlino – Il commissario statunitense per il clima John Kerry ha messo in guardia dall’ignorare la crisi climatica a causa dell’attacco della Russia all’Ucraina.

La guerra e i suoi effetti definiscono la vita quotidiana, ha detto Kerry a Berlino, dove si sono incontrati i ministri dell’energia e del clima delle sette principali nazioni industrializzate (G7). “Ma la crisi climatica non andrà via ed è imperativo prestare attenzione alla scienza che ci dice che dobbiamo accelerare i nostri sforzi per muoverci verso l’autosufficienza, verso le energie alternative rinnovabili”.

Kerry ha anche messo in guardia dal trarre conclusioni sbagliate dalla guerra in Ucraina, a seguito della quale i paesi occidentali vogliono ridurre la loro dipendenza dall’energia russa. Non si dovrebbe cadere nella “falsa narrativa” secondo cui a causa dell’Ucraina c’è ora motivo di costruire una nuova generazione di infrastrutture per i combustibili fossili. Il presupposto è che vengano presi provvedimenti per contenere le emissioni, qualsiasi altra cosa sarà “catastrofica”.

La guerra in Ucraina aumenta la pressione sugli obiettivi climatici

Secondo il cancelliere Olaf Scholz, a causa della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, perseguire i suoi obiettivi climatici è ancora più risoluto. I piani per diventare CO2 neutrali entro il 2045 sono “diventati più importanti” a seguito della guerra del presidente russo Vladimir Putin, ha affermato Scholz alla fine del World Economic Forum di Davos, in Svizzera. “”Ora più che mai!” è quindi il motto.» La guerra russa non è stata “l’unico punto di svolta”, ma una maggiore pressione ad agire. Se gli obiettivi climatici di Parigi non saranno raggiunti, il mondo sarà diretto verso il disastro.

Per consentire un’ulteriore crescita economica, i paesi industrializzati classicamente hanno dovuto investire nello sviluppo di nuove tecnologie che potessero poi essere utilizzate in tutto il mondo, ha affermato Scholz. “I paesi del Sud del mondo in Asia, in Africa, in Sud America vorranno la stessa prosperità. Ed è giusto. Ecco perché dobbiamo sviluppare tecnologie in cui questa crescita possa avvenire ora, senza le quali non saremmo più in grado di vivere correttamente su questo pianeta perché consumiamo l’aria di cui abbiamo bisogno per respirare”.

Su invito del ministro federale dell’ambiente Steffi Lemke e del ministro dell’Economia e della protezione del clima Robert Habeck (entrambi dei Verdi), i ministri del clima e dell’energia del G7 discuteranno fino a venerdì le misure per combattere la crisi climatica e ambientale. Germania, Francia, Italia, Giappone, Canada, Stati Uniti e Regno Unito sono inclusi nel gruppo di stati, con la Germania attualmente in testa al gruppo.

Marinella Fontana

"Specialista dell'alcol. Appassionato risolutore di problemi. Esperto di musica freelance. Pioniere del cibo malvagio. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.