Italia: revocato lo stato di emergenza – Quali misure anti-pandemia revocate Draghi

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha annunciato mercoledì in tarda serata che “in Italia, lo stato di emergenza per far fronte al coronavirus non sarà prorogato oltre il 31 marzo”. Quasi tutti i divieti in vigore negli ultimi due anni saranno revocati.

Primo relax

Il primo ministro italiano ha aggiunto che non si applicherebbe più a distinguere le regioni del Paese in tre colori, a seconda dei casi. Il “super certificato di vaccinazione” sarà rimosso da aprile a luglio. Il primo “relax”, con l’abolizione dei certificati di vaccinazione, riguarderà gli spazi aperti ed in particolare gli eventi sportivi, le mostre, le feste e gli spettacoli.

“Per riaprire tutto”

“Il nostro obiettivo è riaprire tutto, il prima possibile, ma continuare a monitorare da vicino l’evoluzione della pandemia, per intervenire nuovamente se la situazione si ripeterà”, ha detto il tipico Draghi. “Le scuole rimarranno sempre aperte, le quarantene saranno revocate per contatti con casi positivi”, ha aggiunto il capo del governo romano.

“Ovunque guardi oggi, fluiscono ondate di sentimenti protezionisti.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.