Italia in fermento politico, scelta di Draghi

Con l’Italia sull’orlo del caos, Mario Draghi ha meno di una settimana per fingere qualcosa duro compromesso con i populisti del suo governo, che lo hanno sostenuto con riluttanza negli ultimi 18 mesi.

La decisione del primo ministro di rassegnare le dimissioni giovedì ha fatto precipitare la terza economia dell’eurozona in un paralizzando la crisi politica, che potrebbe concludersi con elezioni anticipate poiché il paese deve affrontare una crisi energetica e l’aumento dei costi finanziari. Inoltre interrompe le riforme necessarie per garantire 200 miliardi di euro assistenza dell’Unione Europea attraverso il Recovery and Modernization Fund per un Paese che da 25 anni affronta il problema dei bassi tassi di crescita.

Draghi, riporta Bloomberg, ha detto di non poter più fidarsi dei partiti che hanno appoggiato il governo di unità nazionale dopo il leader dei Cinque Stelle Giuseppe Conte boicottare il voto di fiducia al Senato. Il presidente Sergio Mattarella ha rimandato il presidente del Consiglio in parlamento per vedere se poteva stringere una nuova alleanza con la sua ampia ma divisa coalizione.

È probabile che le parti si incontreranno lunedì per discutere i prossimi passi con Draghi, che si rivolgerà ai legislatori all’inizio della prossima settimana, a cui il nuovo parlamento potrebbe aderire. voce di fiducia. Anche senza i Cinque Stelle, il suo governo ha ancora una comoda maggioranza in parlamento.

Ma per evitare una crisi, Draghi potrebbe dover cedere il controllo dell’agenda del governo a leader di partito come Conte, che Draghi sostituirà come primo ministro nel 2021, o Matteo Salvini dalla Lega, che a settembre aveva minacciato di lasciare la coalizione se Draghi non avesse ceduto alle sue richieste.

Il presidente del Consiglio, nel suo discorso ai membri del gabinetto, in cui ha annunciato la sua decisione di dimettersi, non ha lasciato molto spazio alla riconciliazione. “L’accordo di fedeltà che è alla base del mio governo è andato“, ha detto ai ministri, secondo una nota. “La maggioranza dell’unità nazionale che ha sostenuto questo governo da quando è stato formato non esiste più”.

Ha anche detto che sarebbe rimasto in carica solo se fosse stato in grado di attuare le riforme. Al contrario, Salvini e altri partiti di centrodestra, compresi i Fratelli d’Italia Giorgia Melonil’unico grande gruppo parlamentare al di fuori della coalizione di Draghi e attualmente in testa ai sondaggi d’opinione in Italia, sta già chiedendo elezioni anticipate.

L’incertezza politica dovrebbe continuare nelle prossime ore, con gli investitori che si affannano a indovinare cosa accadrà dopo fino all’inizio della prossima settimana, quando Draghi si rivolgerà al parlamento.

La crisi politica italiana ha lasciato il Paese nel limbo e ha messo in dubbio la capacità di Draghi di andare avanti ambizioso il suo piano di riforma. Il governo sta attualmente lavorando a un nuovo pacchetto di aiuti che valga fino a 10 miliardi di euro, che andranno a beneficio delle famiglie e delle imprese e introdurranno anche nuovi incentivi per i lavoratori. Mentre Draghi ha promesso di accettarlo questo mese, una crisi politica potrebbe ritardarlo, lasciando l’Italia senza un pacchetto di sostegno poiché deve far fronte all’aumento dell’inflazione.

E anche se Draghi riuscirà la prossima settimana a conquistare il sostegno dei suoi partner di governo, non vi è alcuna garanzia che durerà fino alle prossime elezioni, previste per l’inizio del prossimo anno.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.