Italia: il governo vuole evacuare il campo profughi di Lampedusa

Affollato e disperso
L’Italia sgombera il campo profughi di Lampedusa

In un campo profughi di Lampedusa, che offre spazio per 350 persone, il numero è circa cinque volte tanto. I rifugiati giacevano fuori, immondizia ammucchiata nel vicolo. Gli osservatori sono rimasti scioccati. Il governo italiano ha ora deciso di evacuare.

Le notizie di un campo profughi sovraffollato e disseminato a Lampedusa hanno acceso ancora una volta il dibattito in Italia su come comportarsi con i migranti dal Mediterraneo. Secondo i rapporti, dopo che 1.800 persone sono state contate nella struttura, che accoglie solo circa 350 migranti, venerdì il ministero dell’Interno ha inviato una nave della marina militare per portare 600 persone lontano dall’isola.

Domenica, più migranti hanno dovuto essere distribuiti dall’hotspot ad altri campi nel sud Italia. Secondo il ministero, le persone vulnerabili hanno la priorità nell’evacuazione. Secondo l’agenzia Ansa, il sindaco Filippo Mannino ha detto che il centro di detenzione dovrebbe essere evacuato completamente entro lunedì.

Venerdì, l’ex sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha pubblicato su Facebook foto e video dell’attuale campo. Puoi vedere persone sdraiate su vecchi materassi di gommapiuma, alcune all’aria aperta, bidoni della spazzatura traboccanti e mucchi di spazzatura nel vicolo. Tra queste persone c’erano donne incinte e bambini. “Le foto possono provenire dalla Libia. Ma no, è l’Italia”, ha scritto il politico. Flavio Di Giacomo dell’Ufficio Mediterraneo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la migrazione (OIM) ha scritto su Twitter di “vergogna a Lampedusa”.

Politici di destra come il boss della Lega Matteo Salvini e Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia hanno accusato di aver fallito il ministro dell’Interno di sinistra e apartitico Luciana Lamorgese. Il ministero dell’Interno a Roma ha rilevato che oltre 30.000 persone sono arrivate in barca quest’anno sulle coste italiane – compresa Lampedusa – nel fine settimana. Le persone affrontano le traversate spesso pericolose dal Nord Africa perché sperano in una vita migliore nell’UE. Molti erano trasportati da navi di soccorso civili e gli incidenti mortali erano comuni.

(Questo articolo è apparso per la prima volta sabato 9 luglio 2022.)

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.