In che modo i paesi del G7 possono aiutare l’Ucraina?

Il vertice del G7 si svolgerà dal 26 al 28 giugno 2022 presso lo Schloss Elmau. (Immagine: dpa)
(Foto: Karl-Josef Hildenbrand/dpa)

Elmau – Il sostegno a lungo termine all’Ucraina è stato uno dei principali obiettivi di Olaf Scholz (SPD) al suo primo vertice del G7 come cancelliere.

Più di un mese fa, i ministri delle finanze di democrazie economicamente potenti hanno concordato un ulteriore sostegno di bilancio a breve termine di 9,5 miliardi di dollari (quasi 9 miliardi di euro). Dall’inizio dell’anno, hanno mobilitato un totale di 19,8 miliardi di dollari (18,9 miliardi di euro) di aiuti finanziari per l’Ucraina, si legge nella dichiarazione finale dell’epoca.

Armi, prestiti, sovvenzioni

Come possono aiutare i singoli membri del gruppo del G7, che si riunisce da domenica a martedì a Elmau, in Baviera? Oltre a Germania e Stati Uniti, fanno parte del gruppo anche Gran Bretagna, Francia, Italia, Giappone e Canada.

G7

Secondo il ministero federale delle finanze, circa un miliardo degli ulteriori 9,5 miliardi di dollari di aiuti finanziari aggiuntivi del G7 è arrivato sotto forma di garanzie o prestiti. La Germania fornisce sovvenzioni nell’ordine di un miliardo. Gli Stati Uniti si sono impegnati a mobilitare 7,5 miliardi di dollari.

L’Ucraina ha chiesto circa 5 miliardi di euro ciascuno per tre mesi. Kiev ha bisogno di soldi per pagare le pensioni e gli stipendi dei dipendenti pubblici, per esempio. Il ministro delle finanze Christian Lindner (FDP) ha sottolineato di non vedere la necessità di un altro round di raccolta fondi a Elmau.

Tedesco

Dal 2014, anno dell’annessione della Crimea da parte della Russia, la Germania ha sostenuto l’Ucraina con circa 1,83 miliardi di euro, secondo un portavoce del governo. Dall’inizio della guerra, il 24 febbraio, il Ministero dello Sviluppo ha anche previsto programmi di emergenza che attualmente sono valutati intorno ai 185 milioni di euro, ad esempio per il controllo delle catastrofi, l’assistenza agli sfollati interni e alle comunità ospitanti. Inoltre, la Germania ha fornito assistenza umanitaria per 440 milioni di euro. Scholz ha annunciato un altro prestito illimitato fino a 150 milioni di euro durante una visita a Kiev il 14 febbraio.

Secondo il suo stesso resoconto, il governo federale ha consegnato, tra le altre cose, sette obici semoventi, 500 missili antiaerei Stinger, 16 milioni di proiettili di armi leggere e 100.000 bombe a mano. Inoltre, tre lanciarazzi doppi, 30 carri armati antiaerei Gepard e un sistema antimissilistico Iris-T erano stati promessi ma non sono stati ancora consegnati. Nel processo di bilancio, il finanziamento per l’iniziativa di aggiornamento del Ministero della Difesa è stato aumentato a due miliardi di euro per il 2022, principalmente per sostenere l’Ucraina.

Stati Uniti d’America

Gli Stati Uniti affermano di aver promesso o consegnato all’Ucraina armi e attrezzature per un valore di 6,1 miliardi di dollari dall’inizio della guerra. Secondo il Pentagono, questo include armi pesanti come obici e alcuni lanciarazzi, ma anche droni, elicotteri e mezzi corazzati. Da marzo, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato due pacchetti che approvano oltre 53 miliardi di dollari in fondi di emergenza legati alla guerra.

Oltre all’assistenza militare diretta all’Ucraina, questi pacchetti forniscono anche finanziamenti per molte altre aree, come l’assistenza economica all’Ucraina, l’assistenza umanitaria ai rifugiati dal paese o per far fronte alle crisi alimentari causate dalla guerra. I miliardi aggiuntivi verranno utilizzati, ad esempio, per aumentare le truppe statunitensi in Europa o per rifornire le forniture statunitensi di equipaggiamento militare a seguito delle spedizioni di armi in Ucraina.

Gran Bretagna

Il governo di Londra ha finora agito principalmente come fornitore di armi. La Gran Bretagna ha consegnato o promesso all’Ucraina, tra le altre cose, più lanciarazzi M270, migliaia di cannoni anticarro, centinaia di missili a corto raggio, 120 veicoli corazzati e diversi sistemi antiaerei Starstreak. Ci sono anche munizioni e dispositivi di assistenza come i visori notturni.

Il governo del primo ministro Boris Johnson ha anche promesso aiuti per 220 milioni di sterline (256 milioni di euro). La metà va alle Nazioni Unite e alla Croce Rossa. Inoltre, ci sono milioni di medicinali e articoli per la salute, nonché centinaia di generatori. Londra ha anche impegnato fino a 20 ambulanze e 13 veicoli blindati per aiutare a salvare i civili in situazioni pericolose.

Francia

Un mese fa, il presidente Emmanuel Macron ha annunciato un aumento della promessa del suo paese all’Ucraina da $ 300 milioni a $ 2 miliardi. Dopo lo scoppio della guerra, la Francia aveva fornito assistenza per un valore di 100 milioni di euro.

Non sono inclusi nel totale gli aiuti militari, che la Francia tende a mantenere segreti. Il ministero della Difesa ha annunciato a metà aprile che la Francia aveva consegnato materiale militare all’Ucraina per 100 milioni di euro. La consegna di obici di tipo Caesar seguirà più tardi e l’Ucraina riceverà un totale di 18 armi, ha detto di recente Macron.

Italia

Il governo di Roma ha promesso all’Ucraina principalmente assistenza umanitaria, ad esempio nell’accoglienza dei rifugiati. Nonostante le critiche provenienti dall’interno del Paese, anche dai partiti al governo, il governo è riuscito a consegnare armi pesanti, cosa che è stata decisa in tre decreti.

L’Italia non ha pubblicato i dettagli. Secondo quanto riferito, inclusi missili Stinger, obici e missili anticarro. Secondo i media, la consegna del primo decreto è costata fino a 150 milioni di euro. Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha poi indicato che gli altri due decreti avevano la stessa portata.

Il primo giorno di guerra, il 24 febbraio, l’Italia ha concesso all’Ucraina un prestito di 110 milioni di euro. Ad aprile si sono aggiunti 200 milioni di euro, come ha detto il ministro delle Finanze Daniele Franco. Inoltre, Roma mette a disposizione oltre 900 milioni di euro per l’accoglienza dei profughi in Italia.

Canada

Le armi più pesanti che Ottawa ha consegnato all’Ucraina finora sono quattro pezzi di artiglieria M-777. Inoltre, il governo di Justin Trudeau ha fornito a Kiev migliaia di lanciarazzi, bombe a mano e munizioni, tra gli altri. L’equivalente di 200 milioni di euro è confluito in Ucraina come aiuto militare. Nel bilancio canadese per il 2022, l’equivalente di 365 milioni è stato stanziato per il sostegno.

Oltre al sostegno finanziario militare, il ministero delle Finanze di Ottawa ha recentemente annunciato di aver fornito finora 1,37 miliardi di euro in prestiti dal Fondo monetario internazionale.

Questo denaro dovrebbe, tra le altre cose, stabilizzare l’economia ucraina. Inoltre, dopo l’invasione della Russia, il governo canadese ha imposto sanzioni a oltre 1.000 persone e organizzazioni e ha aumentato significativamente le tariffe sui prodotti provenienti dalla Russia.

Giappone

Il paese ha fornito all’Ucraina 200 milioni di dollari (190 milioni di euro) in assistenza umanitaria di emergenza in settori quali la salute, l’assistenza medica, il cibo e la protezione delle persone in Ucraina e nei paesi limitrofi attraverso organizzazioni internazionali. Inoltre, ci sono 600 milioni di dollari (571 milioni di euro) di sostegno finanziario sotto forma di prestiti.

Il Giappone non ha inviato armi all’Ucraina perché la sua costituzione pacifista del dopoguerra non lo permetteva. Tuttavia, è un passo importante per un paese che per la prima volta fornisce equipaggiamento alle fazioni in guerra, inclusi giubbotti antiproiettile, tende, elmetti corazza, uniformi invernali, tute protettive contro armi chimiche e droni commerciali per la ricognizione, il tutto direttamente dai rifornimenti delle truppe • forze di autodifesa, dette forze di autodifesa.

Inoltre, il Giappone trasporta i soccorsi dell’UNHCR sui suoi aerei delle forze armate e fornisce personale per le cure mediche dei rifugiati. Inoltre, il Giappone, che di solito è molto severo nella concessione dell’asilo, accetta rifugiati dall’Ucraina e offre estensioni del visto ai cittadini ucraini che già vivono in Giappone.

© dpa-infocom, dpa:220625-99-794223/2

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.