“Imparare a governare diversamente”: Macron chiede a tutti i partiti di essere disposti a scendere a compromessi: la politica

Il suo intervento era atteso con impazienza. Mercoledì sera, Emmanuel Macron ha parlato per la prima volta alla Francia in un discorso di otto minuti dopo che la sua alleanza di partito ha perso la maggioranza assoluta all’Assemblea nazionale nelle elezioni parlamentari di domenica scorsa. Il presidente francese ha affermato che c’era bisogno di “imparare a regolamentare e legiferare in modo diverso” visti i risultati.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Come nella maggior parte delle democrazie occidentali, “per esempio in Germania o in Italia”, nessun potere politico può ora approvare leggi da solo in Francia, ha affermato il presidente. Vedendo questi risultati, ha chiesto a tutti i partiti rappresentati nel DPR di essere disposti al compromesso.

“È necessario scendere a compromessi, miglioramenti e modifiche, ma questo deve essere fatto in piena trasparenza”, ha affermato Macron. Il desiderio di unirsi e di agire per la nazione colpisce tutte le forze politiche.

Il presidente ha chiarito di voler realizzare progetti legislativi e di riforma con l’opposizione. È possibile “trovare una maggioranza più ampia e più chiara su cui agire”, ha affermato. Con i rappresentanti di tutti i partiti eletti in parlamento, ha la responsabilità e il desiderio di impedire un blocco dello Stato.

Macron e la sua alleanza di partito “Ensemble” hanno ottenuto la maggioranza relativa solo alle elezioni parlamentari tenutesi il 12 e 19 giugno. Una tale costellazione politica è finora insolita in Francia, nelle passate legislazioni c’è sempre stata una netta maggioranza.

Macron lamenta l’elevata percentuale di non votanti

Nel suo discorso di mercoledì sera, Macron ha ritenuto responsabili i partiti di opposizione. Ha chiesto loro di chiarire nei prossimi giorni quali forme di cooperazione potrebbero essere per loro.

Macron ha incontrato i leader di tutti i partiti rappresentati in Parlamento martedì e mercoledì. È stata anche esplorata la possibilità di un “governo di unità nazionale” trasversale. Tuttavia, la maggior parte delle altre parti lo rifiuta – e nessuno dei due lo considera “giustificato”, ha detto Macron mercoledì alla fine.

Nelle sue osservazioni, il Presidente ha deplorato l’elevata percentuale di non votanti. Meno di ogni secondo elettori aventi diritto partecipano a una votazione parlamentare. Allo stesso tempo, Macron ha ricordato che la Francia aveva scelto un progetto chiaro con la sua rielezione ad aprile. Vuole continuare a perseguire la sua attuazione, il Paese ha ancora un disperato bisogno di riforme.

Macron sarà d’accordo con i “repubblicani” conservatori?

Macron è in una posizione difficile dopo le elezioni generali. Per affrontare questo problema, ci sono due opzioni attualmente in discussione, che il Presidente ha anche chiamato mercoledì sera: “Accordo di coalizione o cambio di maggioranza”.

L’alleanza di partito di Macron potrebbe collegarsi con altre forze politiche per assicurarsi una maggioranza assoluta. Sembra molto probabile che un tale accordo venga raggiunto con i “Repubblicani” conservatori. Tuttavia, nei giorni scorsi, hanno confermato il loro rifiuto a tale alleanza di governo. Un’altra opzione per Macron e il suo governo è cercare la maggioranza, a seconda della legge.

Nel suo discorso, Macron ha affermato di considerare sua responsabilità attuare le scelte degli elettori e trovare risposte “più adatte ai bisogni della società”.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.