Il tradizionale suono del rock and roll alla fine del Lake Fest

Royal Apartment, Kanda, Kodža e Nebojša, Bolero, Vojko V, Paul van Dyk e Dejan Milićevi si sono esibiti l’ultima notte del Lake Fest, ospitato per l’undicesima volta dal lago Krupački a Nikšić.

La band heavy metal serba Kraljevski Apartman ha aperto la serata finale del Lake Fest a Nikši. La loro storia inizia nel 1979, quando il chitarrista Zoran Zdravkovi fonda il gruppo hard rock Apartman 69. Nel 1983 pubblicano l’album “Seti se moje pesme”. Una nuova era e un nuovo nome per la band “Kraljevski apartman” è iniziata alla fine degli anni Novanta, hanno pubblicato un album in studio intitolato “Long live Rock ‘n’ Roll”.

Il fondatore dei Royal Apartment, il chitarrista Zoran Zdravkovi, ha detto che erano a Nikši per la prima volta.

– Ho sentito che questa è una città rock e Lake Fest è il miglior festival rock regionale. Siamo onorati di essere qui – sottolinea Zdravkovi.

Roku è tornato dopo una pausa di quasi 30 anni, a causa della delusione per il fatto che questa direzione musicale abbia perso il rispetto che aveva una volta.

– Il rock and roll è nel mio sangue, non posso vivere senza di esso. Sono tornato, ho formato una band e poi Bora Chorba ci ha aiutato molto. Sono di nuovo sul palco e lo sarò finché potrò salire sul palco – ha detto Zdravkovi.

Il pubblico ha anche apprezzato l’esibizione delle band di Belgrado Kanda Kodža e Nebojša, che quest’anno celebra il suo 30° anniversario.

Dopo i KNN, il gruppo rock Bolero riformato nel 1982 è salito sul palco vicino al lago Krupa. Dopo anni di pausa nel lavoro e nelle esibizioni, sono tornati sul palco nel 2013. I loro successi eterni sono stati “Jelena”, “Galebovi”, “Sjejanja”, “Krčmarska Moskva”, “Diana”…

– Siamo già stati a Nikšić diverse volte. La città ha una sorta di atmosfera che viene mantenuta nonostante tutto. È davvero troppo bello qui. Le nostre canzoni rimangono di generazione in generazione e ne sono molto felice. Il Bolero ora è stato rifatto. Abbiamo avuto una grande occasione, avevo rinunciato a tutto, pensavo che non dovevo più fare musica, non avevamo un pubblico, e poi ho scoperto che non era così. Sono passati alcuni anni critici, ora stiamo cercando di tornare, abbiamo un nuovo album, nuove canzoni. E ‘quasi finita. Il bolero rimane lo stesso, solo che potrebbe esserci una leggera differenza di fuso orario. Vivo su una sorta di percorso amoroso-sociale, non c’è politica nelle mie canzoni. Mi dicono che le mie canzoni sono tristi, che puoi piangere con loro, ma non lo prendo come negativo, penso che sia solo un’emozione onesta. E piango ogni canzone, se le mie lacrime non scorrono so che non va bene – dice Mišo Bartulica, fondatore del gruppo Bolero.

Questo è stato seguito dalle esibizioni di Vojko V., Pol Van Dijk e Dejan Milićevi, le cui esibizioni hanno deliziato il pubblico, e Lake Fest ancora una volta ha alzato il livello sia con la selezione di giocatori di quest’anno che con la fantastica atmosfera del festival. ampiamente riconosciuta.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.