Il primo caso di vaiolo nelle scimmie in Italia

Il primo caso di vaiolo in Italia è stato diagnosticato dai medici dell’ospedale per malattie infettive Lazzaro Spalantsani di Roma.


Si trattava di un giovane, che era appena tornato in campagna dopo una vacanza alle Isole Canarie. Il paziente è stato curato nell’ospedale della Capitale, in isolamento e il suo stato di salute generale in questa fase non desta particolare preoccupazione.


Come è noto, sono in corso gli sforzi per avvisare tutti coloro che hanno avuto contatti con il giovane nei giorni precedenti alla diagnosi della malattia.


Paura di diffondersi


Decine di casi sospetti e confermati di vaiolo delle scimmie sono stati identificati in Europa e Nord America dall’inizio di maggio, sollevando timori per la diffusione della malattia, che è endemica nell’Africa occidentale.


Le autorità sanitarie britanniche, che sono state le prime nazioni a rilevare casi il 6 maggio, hanno annunciato ieri sera che sono stati identificati altri due pazienti, portando a nove il numero totale di persone infette dal virus del vaiolo delle scimmie. Con l’eccezione della prima persona infetta, che aveva recentemente viaggiato in Nigeria, i restanti pazienti sono stati infettati nel Regno Unito, secondo l’Agenzia di assicurazione sanitaria del Regno Unito (UKHSA).


“Questo ultimo caso, così come i casi clinici in vari paesi europei, conferma ciò che inizialmente temevamo: che potesse esserci una trasmissione del vaiolo delle scimmie nella nostra comunità”, ha affermato la dott.ssa Susan Hopkins, consulente medico principale dell’UKHSA.


Cos’è il vaiolo delle scimmie – Sintomi


Il vaiolo delle scimmie è una malattia infettiva rara, simile al vaiolo umano che è stato eradicato nel 1980. Sebbene sia più lieve e la maggior parte dei pazienti guarisca entro poche settimane, in rari casi può essere fatale.


I sintomi includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, linfonodi ingrossati, brividi e affaticamento. I pazienti possono anche sviluppare un’eruzione cutanea, che spesso inizia sul viso e si diffonde ad altre parti del corpo, compresi i genitali.


Non esiste una cura per il vaiolo delle scimmie, che si trasmette attraverso il contatto con pazienti infetti o fluidi corporei, compresa la saliva. Questa malattia di solito scompare da sola.


Leggermente contagioso tra gli esseri umani


Mercoledì, Spagna, Portogallo, Canada e Stati Uniti hanno annunciato di aver visto il vaiolo delle scimmie o qualcosa di simile alla malattia nei loro territori. Spagna e Portogallo hanno dichiarato di aver identificato un totale di circa 40 casi sospetti o confermati della malattia, spingendo le loro autorità sanitarie a lanciare l’allarme sanitario nazionale. In Canada, ieri a Montreal sono stati indagati più di una dozzina di casi sospetti, ha riferito la stazione radiofonica statale Radio-Canada, citando le autorità sanitarie della città. Negli Stati Uniti, un uomo che ha recentemente visitato il Canada è stato trovato positivo alla malattia nello stato del Massachusetts.


Le autorità generalmente cercano di essere rassicuranti, sottolineando che la malattia non è altamente contagiosa per l’uomo.


naftemporiki.gr con informazioni da -ΜΠΕ, AFP



Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.