Il presidente Selenskyj ha ricevuto Baerbock e ha ringraziato la Germania

Nella sua prima visita in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha promesso ampio sostegno alle indagini sui crimini di guerra.

“Non dovrebbe esserci impunità per i crimini di guerra, i rapimenti, gli omicidi e gli stupratori della Russia”, ha detto martedì in un incontro con il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba a Kiev. “Ecco perché sosterremo le indagini internazionali, in particolare quelle condotte dalla Corte penale internazionale, politicamente, finanziariamente e con personale tedesco”.

Nella capitale Kiev, Baerbock ha anche riaperto l’ambasciata tedesca, che aveva temporaneamente smesso di lavorare lì a causa della guerra di aggressione russa. Baerbock, che è stato il primo membro del governo tedesco a visitare l’Ucraina dopo l’inizio della guerra, ha incontrato anche il presidente Volodymyr Zelenskyy.

Selenskyj ha ringraziato Baerbock per aver mostrato la solidarietà della Germania al popolo ucraino. Il ministro era accompagnato dal suo omologo olandese Wopke Hoekstra, disilluso dalla devastazione causata dalla guerra russa, anche alla periferia della capitale Kiev. Baerbock ha anche visitato la casa di Butscha e Irpin.

Inizia la formazione Panzerhaubitze 2000

Baerbock ha anche informato Selenskyj che tra pochi giorni l’esercito ucraino inizierà ad addestrare il moderno Panzerhaubitze 2000, che sarà inviato da Germania e Paesi Bassi in Ucraina. In seguito ha annunciato che c’era stata “una conversazione aperta e amichevole” con Selenskyj. Riguardava anche la ricostruzione e la questione di “come risolvere il tanto necessario blocco mondiale delle esportazioni alimentari dall’Ucraina”. L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, ma la Russia ha bloccato porti importanti per il commercio.

Dopo lunghe discussioni sulla visita dei politici tedeschi in Ucraina, Baerbock si è recato a Kiev come primo rappresentante del governo federale. Il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha accolto con favore il viaggio di Baerbock (verde) e del presidente del Bundestag Bärbel Bas (SPD). L’autobus è in Ucraina domenica. “Beh, penso che sia una buona base per il rapporto di collaborazione ancora importante che abbiamo”. Alla domanda se lui stesso si sarebbe recato a Kiev nel prossimo futuro, non ha risposto.

Baerbock ha detto in una conferenza stampa con Kuleba che la Germania avrebbe “incrollabilmente” sostenuto la lotta dell’Ucraina per la libertà e la pace. Insieme alle aziende tedesche, sono in corso lavori per garantire che l’Ucraina possa “ottenere sistemi avanzati per proteggere le sue città da attacchi futuri”, ha affermato Baerbock. Ha sottolineato: “Continueremo a sostenere l’Europa, un’Ucraina libera. Questioni umanitarie, finanziarie, economiche, tecnologiche, politiche ed energetiche”. Questo vale anche a lungo termine, ha affermato con l’intenzione di riaprire l’ambasciata.

Fare a meno dell’energia dell'”aggressore” russo

Il politico del Partito dei Verdi ha anche spiegato che la Germania vuole andare completamente d’accordo senza l’energia dei futuri “aggressori” russi. “Ecco perché abbiamo ridotto a zero la nostra dipendenza dall’energia russa, e per sempre”. Finora, la Germania ha fatto molto affidamento sul gas russo. L’Ucraina ha chiesto ripetutamente alla Germania di smettere di usare petrolio e gas russi. Baerbock ha sottolineato che in futuro è improbabile che ci sarà un accordo con la Russia sulla testa dell’Ucraina.

Sebbene il ministro abbia sostenuto gli sforzi del paese attaccato per entrare nell’UE, ha messo in guardia dal fare false promesse. “Non ci sono scorciatoie” sulla strada per la piena adesione all’UE. “L’Ucraina è parte integrante dell’Europa”, ha affermato. Il suo amore per la libertà lo ha reso forte nella lotta contro il “regime autocratico” del presidente russo Vladimir Putin. Baerbock avverte che la guerra non è finita. “Un razzo può atterrare ovunque nel paese.”

Nella periferia di Bucha e Irpin a Kiev, dilaniata dalla guerra, Baerbock, protetto da personale di sicurezza pesantemente armato e con indosso un giubbotto antiproiettile, è apparso inorridito dal crimine. Ha annunciato che la Germania sarebbe stata più coinvolta nella raccolta di prove di crimini di guerra commessi contro i civili. Ad esempio, il medico legale tedesco deve sostenere il lavoro delle autorità ucraine.

Dati i casi ben documentati di stupro di donne dopo l’invasione russa, gli psicologi devono anche aiutare ad affrontare il trauma. Ci dovrebbe anche essere supporto nello sminamento nelle città e nei villaggi dopo il ritiro delle truppe russe.

In un incontro con il sindaco di Kiev Vitali Klitschko, Baerbock ha affermato al termine della sua visita che la Germania aveva l’obbligo di “non rinunciare alla nostra solidarietà, di non smettere di fornire la nostra assistenza, sia essa umanitaria, sia nell’area di assistenza medica, ma anche militare”. L’ex campione del mondo di boxe Klitschko ha detto in tedesco: “Grazie al governo tedesco”. Tutto deve essere fatto per “fermare la guerra senza senso”. A Baerbock disse: “La tua visita in tempo di guerra è molto importante per noi”. Durante la visita il sindaco ha mostrato al ministro una parte della città e gli ha regalato un libro illustrato: “Kyiv – meine Liebe” firmato da Klitschko.

Il 24 febbraio il presidente russo Putin ha ordinato l’invasione dell’Ucraina. Ha ripetutamente accusato il paese vicino di avere politiche anti-russe. L’Occidente ha imposto ampie sanzioni alla Russia.

© dpa-infocom, dpa:220510-99-231133/7

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.