Il presidente Selensky fa campagne di sostegno in Italia

Video del presidente ucraino Zelensky al Parlamento italiano

“Tu conosci bene noi ucraini, non abbiamo mai voluto la guerra”.

(Foto: IMAGO/ZUMA Press)

Roma Quando il presidente ucraino è apparso sugli schermi del parlamento italiano, tutti i deputati si sono alzati dai loro posti. Volodomir Zelenskiy era seduto alla sua scrivania, indossava una maglietta verde oliva, con la bandiera ucraina alla sua sinistra. “Il nostro popolo è diventato un soldato”, ha detto, e ha continuato a menzionare quanto ha sofferto il suo paese. “Finora 117 bambini sono stati uccisi in Ucraina”. Ci sono state migliaia di persone ferite, centinaia di migliaia di aziende distrutte, milioni di case abbandonate.

“Diverse città ucraine sono state completamente distrutte, come Mariupol”, ha detto Zelenskiy. Nulla è rimasto lì, solo rovine. “Il Mariupol ha le stesse dimensioni del Genoa. Immagina Genova rasa al suolo”. Kiev è importante per la regione dell’Europa orientale quanto Roma lo è per il mondo. “Abbiamo sirene qui ogni giorno, le bombe cadono ogni notte.”

Le conseguenze della guerra si fanno sentire in molte aree del mondo, non solo in Europa. “Come possiamo continuare a coltivare cibo mentre il nemico ci spara?” chiese Zelensky. Il paese non può esportare mais, petrolio o grano. “Tu conosci bene noi ucraini, non abbiamo mai voluto la guerra”.

Il premier Mario Draghi: l’Italia vuole l’Ucraina nell’Ue

Selenski ha anche ringraziato l’Italia. Il Paese ha “aperto i suoi cuori e le sue porte” al popolo ucraino. La guerra dura ormai da 27 giorni. “Servono più sanzioni, abbiamo bisogno di più pressioni”.

Il miglior lavoro di oggi

Trova i migliori lavori ora e
notificato via e-mail.

Applausi in piedi di nuovo dopo dodici minuti. Quattro parlamentari donne indossavano giacche gialle in solidarietà con pantaloni o gonne blu. A differenza del Bundestag tedesco, dove alla fine della scorsa settimana l’ordine del giorno è stato gestito rapidamente e il discorso di Zelenski è stato lasciato sullo sfondo del parlamento, il capo del governo è subito intervenuto.

>> Leggi anche qui: La Germania aveva bisogno di una leadership come mai prima d’ora, ma Olaf Scholz non ce l’ha fatta. Commento

Mario Draghi si alzò dal banco del governo, dove era riunito tutto il suo gabinetto, e parlò a Zelensky: Resistenza da tutti i luoghi dell’Ucraina dove “gli attacchi spietati di Putin sono eroici”. L’Ucraina non solo difende se stessa, ma anche “la nostra pace, la nostra sicurezza”. Draghi vuole mostrare all’Ucraina un modo per avvicinarsi più rapidamente all’UE. “L’Ucraina deve essere sicura, libera e democratica”.

Il processo di adesione è ancora lungo e sono necessarie riforme. Ma il suo Paese sostiene Zelenski, Draghi ha chiarito: “L’Italia vuole che l’Ucraina aderisca all’Unione Europea”.

L’obiettivo non è solo aiutare i rifugiati a trovare riparo, ma anche convincerli a lavorare per integrarli nella società. In merito alle sanzioni, Draghi ha sottolineato che l’Italia ha congelato “oltre 800 milioni di euro di beni” degli oligarchi russi.

Partiti filo-russi coinvolti nel governo

Come si temeva prima del discorso, decine di seggi nel DPR erano vacanti. Parte della Lega di destra e la maggioranza del Movimento Cinque Stelle di sinistra (M5S), che fa anche parte dell’ampia coalizione di Draghi, è visto come fortemente filo-russo. Cinque anni fa, il boss della Lega Matteo Salvini fece addirittura una foto con Putin sulla Piazza Rossa a Mosca. La coalizione sinistra-destra tra M5S e Lega, che governa l’Italia da un buon anno dall’estate del 2018, sta seguendo una direzione molto amichevole con Putin.

Tuttavia, prima del discorso di Zelenski, i leader del partito sembrano essere riusciti in una certa misura a stringere i ranghi. L’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, capo dei Cinque Stelle, ha affermato che la posizione del partito è molto chiara: “l’illecita aggressione militare” richiede “la più forte condanna”. Salvini ha chiesto ancora ai colleghi il giorno prima del discorso: “Tutti in auditorium”. Ha funzionato, almeno per la maggior parte.

Ancora: Zelensky chiede resistenza e chiama i militari russi “turisti con carri armati”

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.