“Il governo Mitsotakis e il governo Draghi condividono…

Il ministro di Stato e governo digitale Kyriakos Pierrakakis partecipa alla conferenza “Guardare a sud. Una strategia europea per un nuovo periodo geopolitico, economico e socio-culturale nel Mediterraneo”.

Sig Pierrakakis prendere parte unità tematica “Costruire economie interconnesse: dialogo tra Stati mediterranei” insieme agli italiani Ministro dell’Innovazione e commutazione digitale, Vittorio Kolao. Nel suo post fa riferimento esperienza grecadove come ha detto”identificare lezioni importanti, poiché ci sono percorsi diversi che ogni Paese seguirà in questa transizione digitale”.

«Siamo stati fortunati come greci perché abbiamo avuto tempo prima delle elezioni per prepararci a questo ministero. Le ultime elezioni si sono svolte in Grecia nel 2019 e il primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, è il leader dell’opposizione e in passato è stato ministro della pubblica amministrazione.

Così, con una mossa molto simbolica, ha deciso di abolire il ministero che guidava e di crearne uno completamente nuovo, con un obiettivo ben preciso, per cambiare il modo in cui opera il Paese. “Il nostro principale indicatore di performance, come si dice nella gestione, è ridurre la burocrazia”.sottolineato Ministro della governance digitale.

“Il governo Mitsotakis e il governo Draghi hanno la stessa visione della politica digitale» caratteristiche sottolineate. Con riferimento, no, al progetto e al suo scopo principale ministero , Signor Pierrakakis Inserisci:

«Ci assumiamo questo compito e procediamo con due riforme molto sostanziali. Il primo è che tutti i progetti digitali siano realizzati attraverso il nostro ministero (tutti gli “appalti” di questi progetti), a livello centrale, e abbiano anche un budget centrale per loro, che aumenta in modo significativo con i fondi del Recovery Fund.

La seconda riforma riguarda la possibilità di interoperabilità di tutti i servizi statali”.

QUELLO Kyriakos Pierrakakis riferito a “Approccio centrato sul cittadino” seguito. Come il, Dovrebbe modificare quale via nazione ha attivato il servizio.

«Questo è molto importante per un motivo principale: il servizio dello stato in un paese non è reso in base a come serviranno più facilmente i cittadini del paese, ma in base a come serviranno meglio il paese stesso “, spiegato Ministro, su intervento alla conferenza sorrento e completare:

«Ad esempio, in un evento della vita come la nascita di un bambino o la perdita di una persona cara, c’è un’interazione con lo stato.

Prima del 2020 bisogna visitare 5 servizi pubblici per il parto e circa 9 quando si perde una persona cara mentre per l’acquisto di un immobile bisogna rivolgersi a più di 13 servizi pubblici. In tutti questi eventi della vita, la struttura è centrata sullo stato e non sulla politica.

La tecnologia ci permette di cambiarlo combinando un registro e un servizio. Così, a marzo 2020, che coincideva con il primo weekend del primo lockdown, abbiamo creato un portale unico per l’intero Stato greco, gov.gr. Lì abbiamo raccolto 501 servizi esistenti distribuiti in vari ministeri.

Oggi il numero è 1.400. Dei 9 milioni di transazioni digitali che abbiamo effettuato nel 2019 in tre anni, questo è stato di 567 milioni. In pratica, ciò significa che il cittadino greco medio evade 60 “code”».

Il Ministro della governance digitale ha infine confermato che la trasformazione del Paese è stata significativamente influenzata dalla pandemia. «Avevamo dei piani in anticipo, ma il coronavirus ci ha fatto cambiare il modo in cui pianifichiamo le cose, avvicinando il futuro al presente.

Abbiamo anche iniziato a imparare gli uni dagli altri. Ad esempio, la Grecia sta seguendo l’approccio italiano nel suo programma di microsatelliti e l’Italia greca nel programma “Smart Cities”.“, ha concluso Signor Pierrakakis.

Vedi anche: Giannis Oikonomou: il signor Tsipras è interessato solo al suo partito e alla sua rielezione

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.