Il frontman dei sindacati di Belgrado si apre sulla situazione sul palco

Fedja Dimovic, cantante del gruppo “Sindacato di Belgrado” eha detto che i membri delle band hip-hop suonano musica perché amano la musica, ma anche per le persone, e che non possono guadagnarsi da vivere, ma ognuno ha la propria professione.

– Il sindacato di Belgrado non vive di musica, tutti abbiamo la nostra professione. Forse se ci guadagnassimo da vivere con la musica non mangeremmo il pane e forse praticare quest’altra professione richiede del tempo per affrontare queste cose, e poi l’eterna lotta è trovare l’equilibrio – Fedja ha detto in una conferenza stampa in concomitanza con il grande concerto che si terrà l’11 giugno a Tasmajdan.

Dimovic fa notare che per loro suonare è amore, ma anche sacrificio.

– Anche questo è amore, posso dire liberamente sacrificio, perché soffriamo a causa di alcuni atteggiamenti che esprimiamo nella nostra musica, ma abbiamo difficoltà in altri ambiti. O le cose ci sono passate o dobbiamo lavorare di più e provare a metterci alla prova. So che i miei amici hanno la stessa situazione, anche i membri della famiglia. Qui è stato investito molto amore, solo amore non solo per la musica, ma anche per le persone, perché facciamo molto per le persone – ha detto il frontman dei sindacati di Belgrado, aggiungendo che, nonostante tutto, non avevano mai pensato di arrendersi.

– Mai avuto l’idea di arrendersi. Primo, ho il desiderio, in alcune situazioni, di combattere più duramente, ma ci sono alcuni pensieri che a volte l’ingiustizia ferisce, brucia, è difficile da affrontare, questo è certo – ha detto Fedja.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.