Il fatturato dell’azienda è aumentato di 22,2 miliardi di euro nel primo trimestre

Il fatturato delle imprese statali è aumentato di 22,2 miliardi di euro nel primo trimestre di quest’anno e di 88.283.509 mila euro, dai 66.112.030 mila euro del primo trimestre 2021.

L’incremento maggiore si è verificato nelle imprese del settore “Arti, spettacolo e tempo libero” (315,1%), mentre l’incremento minore si è verificato nelle imprese del settore “Informazione e comunicazione” (5,3%).

Intanto, per le aziende che devono mantenere la contabilità bibliografica per la quale i dati sono disponibili mensilmente, il fatturato a marzo è stato di 28.419.568 mila euro, in crescita del 41% rispetto a marzo 2021 che ha raggiunto i 20.153.060 mila euro.

L’incremento maggiore di fatturato è stato presentato dalle imprese del settore “Arti, spettacolo e tempo libero” (376,5%), mentre il minore è stato registrato dalle imprese del settore “Attività legate alla salute umana e all’assistenza sociale” (0,1%).

Secondo ELSTAT, per 223.371 aziende sospese a marzo 2020, il fatturato del primo trimestre di quest’anno è stato di 5.305.441 mila euro, con un incremento dell’83,2% rispetto al primo trimestre 2021 che era di 2.895.763 mila. Euro.

L’incremento maggiore è stato presentato dalle aziende del settore “Produzione di film, video e programmi televisivi, registrazioni e pubblicazioni musicali” (876,5%), mentre il minore è stato presentato dalle aziende del settore “Attività di noleggio e noleggio” (18,4%) . Le imprese del settore “Attività di architettura e ingegneria – Prove tecniche e analisi” registrano una flessione (1,8%).

Per la stessa società con obbligo di conservazione dei libri bibliografici, per i quali i dati sono disponibili mensilmente, il fatturato a marzo è stato di 1.187.622 mila euro, registrando un incremento del 131,2% rispetto a marzo 2021 che è salito a 513.733 mila euro.

L’incremento maggiore è stato presentato dalle aziende del settore “Produzione di film, video e programmi televisivi, registrazioni e pubblicazioni musicali” (1.752,5%), mentre il minore è stato presentato dalle aziende del settore “Attività di noleggio e noleggio” (18,6). %). Il calo maggiore è stato invece registrato dalle imprese del settore “Attività architettonica e ingegneristica – Prove e analisi tecniche” (9,6%).

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.