Il documentario sulla Mostra del Cinema di Venezia esamina il passato fascista italiano

Con il partito post-fascista in cima ai sondaggi d’opinione in vista delle elezioni italiane di fine mese, la marcia di Mark Cousins ​​a Roma alla Mostra del Cinema di Venezia è stata opportuna.

In questo documentario fuori concorso, presentato in anteprima mercoledì il giorno di apertura del festival, il regista nordirlandese si concentra sul potere del fascismo di distorcere la verità, manipolare l’opinione pubblica e promuovere la propria narrativa.

Analizza come Benito Mussolini abbia utilizzato la propaganda cinematografica fascista per creare il mito della famigerata entrata delle Giacche Nere nella capitale – la “Marcia su Roma” – che ha preceduto la presa di potere del dittatore italiano nel 1922.

Il documentario di Cousins ​​è un’analisi di come una telecamera creativa e un montaggio intelligente possono aiutare a manipolare la realtà.

Inoltre, presenta filmati dei leader populisti di oggi, che mostrano che Mussolini non aveva il monopolio di mobilitare le masse con il suo messaggio infuocato di patriottismo, forza ed eroismo – solo che ora stavano usando i social media invece del nascente mezzo cinematografico. .

“Quando un ciclo di fascismo si ripete, non si ripete esattamente allo stesso modo, è in un nuovo contesto”, ha spiegato Cousin dopo la proiezione.

“Il fascismo si adatta in modo quasi darwiniano alle nuove circostanze”, ha aggiunto.

Il film si apre con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump che difende l’uso della citazione di Mussolini in un tweet.

Mostra anche Giorgia Meloni, il cui partito di estrema destra “Fratelli d’Italia” dovrebbe ottenere il maggior numero di voti alle elezioni del 25 settembre.

Marine Le Pen della Francia, Viktor Orbán dell’Ungheria, il presidente del Brasile Jair Bolsonaro e Vladimir Putin della Russia hanno poi riempito lo schermo mentre Cousins ​​ha detto che “i giovani attori giocano un ruolo” mentre l’eredità del fascismo continua.

Meloni, che sottolinea i valori cristiani e familiari, insiste sul fatto di non essere fascista e che il suo partito – nato da un movimento fondato dai sostenitori di Mussolini dopo la sua morte – ha lasciato la sua storia alle spalle.

Tuttavia, parlando ai giornalisti, Cousins ​​ha fatto riferimento a un appassionato discorso di giugno a sostegno del partito di estrema destra Vox in Spagna, in cui Meloni ha condannato “lobbismo LGBT” e “violenza islamica”, affermando di sostenere “l’universalità di Stavrou”.

“Cosa? Queste sono le parole di un guerriero”, ha detto il regista. “Gli ho creduto quando ha detto che non era un fascista, ma questo è molto vicino al fascismo e molto vicino alla teoria della sostituzione dei bianchi, tutto il resto”.

Creazione di miti

Questo documentario analizza il film A Noi di Umberto Paradisi del 1923 che lanciò la macchina propagandistica di Mussolini e creò la mitica Marcia di Roma.

Mentre il film registra apparentemente l’arrivo delle Giacche Nere nella capitale – e il successivo passaggio del potere a Mussolini – aumenta la dimensione della folla e dissimula abilmente il fatto che lo stesso Duce non sia nemmeno presente.

Il film si concentra quindi sulla folla di sostenitori di Trump che ha preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021, coinvolti nelle false affermazioni dell’allora presidente sulle elezioni truccate.

La disinformazione di oggi si diffonde più velocemente e più ampiamente a causa di Internet, ha detto in seguito Cousins.

“In passato non potevi raggiungere un milione di persone in tre giorni, ma ora puoi”, ha detto ai giornalisti, sottolineando che “gli incendi sono più difficili da spegnere rispetto alle cose a combustione lenta”.

“Noi che crediamo nella democrazia, nell’uguaglianza e nei diritti delle minoranze… possiamo e dobbiamo fermare il fuoco”, ha affermato.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.