Il dipinto di Jean-Michel Basquiat del 1982 “Untitled” vende per 85 milioni di dollari

Il famoso dipinto di Jean-Michel Basquiat con un demone cornuto è riemerso mercoledì scorso come fulcro dell’asta di Phillips a Manhattan.

Il lavoro di Baskias è stato venduto per la prima volta nel 2004 per $ 4,5 milioni al collezionista d’arte Adam Linderman e di nuovo nel 2016 al miliardario giapponese Yusaku Maezawa per un record di $ 57,3 milioni.

All’asta Vendita notturna di arte contemporanea del 20° secolo e Il dipinto Untitled di Phillips del 1982 è stato venduto per $ 85 milioni, con l’acquirente presumibilmente dall’Asia e che ha fatto offerte tramite un rappresentante Phillips a Taipei, Taiwan.

L’attuale proprietario, il magnate del sito di e-commerce Zozotown, ha un ritorno sull’investimento del 48% sulle vendite, secondo la pubblicazione wsj.

Dei quasi 1.500 dipinti che Basquiat ha completato in otto anni, quest’opera d’arte senza titolo è una delle più grandi, con una tela larga 4,8 metri. Si dice che la monumentale combinazione di acrilico e spray sia un autoritratto, creato nell’anno in cui il giovane artista iniziò a conquistare la vetta.

Il dipinto è ora l’opera d’arte più costosa che la casa abbia mai venduto, superando il prezzo della tela di Andy Warhol, “Men in Her Life”, messa all’asta a New York nel 2010.

Chi è Jean-Michel Basquiat?

Jean-Michel Basquiat è stato un pittore neo-espressionista che, senza studiare l’arte e catturare i suoi pensieri in un modo unico, è diventato uno dei più grandi nomi dell’arte contemporanea negli anni ’80. È stato il primo artista afroamericano ad avere un enorme impatto e successo in tutto il mondo.

Nel 1983 incontra in un ristorante Andy Warhol, il “padre” della pop art. In seguito avrebbe affermato che non poteva sedersi a cena solo per tornare due ore dopo con in mano un ritratto di se stesso e di Warhol. Quel giorno sarà l’inizio di una forte amicizia. Baskia riceve la conferma dal suo mentore, Warhol, mentre il suo mentore trae ispirazione dall’aria fresca di cambiamento che gli artisti esordienti portano nello spazio.

I baschi, tuttavia, si drogavano e usavano ampiamente l’eroina alla fine degli anni ’80. Nonostante i suoi tentativi di liberarsi, il 12 agosto 1988 fu trovato morto per overdose nel suo studio di Manhattan. Fu solo all’età di 27 anni che “usciva” lasciando il lavoro e il successo che altri artisti avevano ottenuto a lungo termine o per niente.

Oggi è considerato uno dei pittori più importanti nel suo campo e le sue opere sono considerate un “gioiello” per qualsiasi museo e mostra che le ospita.

Seguilo La voce di Atena su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

KORONODOS: Aggiornamenti in tempo reale – Cosa dobbiamo sapere sul virus KORONOS – Informazioni continue qui

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.