Il centrodestra dell’UE si affida all’estrema destra per mantenere l’influenza – EURACTIV.de

La fine della tanto chiacchierata “grande coalizione” tra partiti di centrodestra europei e socialdemocratici ha spinto il Partito popolare europeo (PPE) a cercare alternative sul lato destro dello spettro politico per formare un governo.

Nelle elezioni in Svezia e in Italia, i partiti di centrodestra tradizionalmente pro-UE possono formare governi e alleanze con partiti di estrema destra ed euroscettici per controbilanciare i governi progressisti in paesi come Spagna, Portogallo e Germania. Ma cosa significa questo per il progetto UE?

Le elezioni chiave si svolgeranno rispettivamente in Svezia e in Italia l’11 e il 25 settembre.

A Stoccolma, recenti sondaggi mostrano che il blocco di sinistra (socialdemocratici, Verdi, Partito di sinistra e Partito di centro) è testa a testa con il blocco di destra, composto da partiti di centrodestra, liberali ed euroscettici.

Il cordone sanitario non è più la “norma”

Charlie Weimers, vice leader dei Conservatori e riformatori europei (ECR) e membro dei Democratici svedesi di estrema destra (Sverigedemokraterna, SD), ha detto a EURACTIV che le elezioni svedesi potrebbero essere un esempio positivo per “diritti più ampi in Europa cosa possiamo ottenere quando lavoriamo allo stesso modo”.

“Penso che il PPE e il gruppo Renew si siano inclinati a sinistra di questa legislatura e stiamo vedendo risultati in diversi settori politici. I risultati sono progressivi piuttosto che conservatori, per non dire altro”, ha detto a EURACTIV.

“Penso che sarà illuminante per molti politici del continente che ci possa davvero essere una collaborazione tra PPE, ECR, Renew e Identity and Democracy Group (ID) quando i nostri interessi si uniranno”, ha aggiunto.

Il politico svedese ha sottolineato che l’idea del cordone sanitario era la norma in Svezia fino a pochi anni fa.

“E ora i Democratici svedesi sono al secondo posto nei sondaggi; c’è stata una normalizzazione del nostro partito nella politica svedese. Quindi penso che forse il cordone sanitario sarà sfidato a livello europeo”, ha detto.

Esperimento italiano

L’Italia è in una situazione simile: i progressisti stanno cercando di impedire la formazione di un governo di coalizione conservatore alle elezioni del 25 settembre.

La coalizione di destra guidata da Giorgia Meloni (Fratelli Italia, ECR) con la Lega di Matteo Salvini (gruppo ID al Parlamento dell’Unione Europea) e l’attaccante Italia di Silvio Berlusconi (Partito popolare europeo) dovrebbe vincere con il 48,2 per cento.

Segue la coalizione di sinistra di Enrico Letta, guidata dal Pd, con il 29,5 per cento.

Manfred Weber, attualmente in Italia, ha dichiarato martedì in conferenza stampa che coloro che vogliono assicurarsi che la maggioranza di centrodestra sia europeista “dovrebbero votare per Forza Italia, Silvio Berlusconi e Antonio Tajani, che sono i presidenti di al Parlamento europeo. Sono stato molto sorpreso dal progetto definitivo e dal programma della coalizione di centrodestra”.

“È molto chiaro che [die Mitte-Rechts-Koalition] per l’integrazione europea, riaffermando la cooperazione transatlantica con i nostri amici americani, il ruolo nella NATO e nei valori europei”, ha affermato.

Dopo il rovesciamento del governo Draghi, Weber ha scritto su Twitter: “L’Europa ha bisogno di un governo di centrodestra stabile a Roma. Forza Italia rimarrà una forza europeista e il PPE li sosterrà”.

Nel corso della giornata Weber incontrerà Berlusconi, che ieri ha cercato di sottolineare la posizione pro-Ue della nuova coalizione di centrodestra.

“L’Italia è il Paese fondatore dell’Unione Europea. L’Europa è la nostra casa comune; qui sono nati i nostri principi cristiani e liberali. Non possiamo fare a meno di essere europeisti senza esitazione e fino in fondo”, ha scritto Berlusconi sui social.

Orbán si nasconde in un angolo?

Tuttavia, i progressisti europei non condividono lo stesso punto di vista e vedono un enorme rischio per il progetto dell’UE.

In un’intervista all’EURACTIV italiano, Udo Bullmann, un deputato tedesco dell’SPD ed ex leader S&D, ha affermato che il PPE ha sempre lottato per prendere decisioni chiare con la destra.

Bullmann ritiene che un governo di “estrema destra” in Italia potrebbe aprire la porta a una “orbanizzazione” democratica negli Stati membri dell’UE “che ci riporti a un passato economico illiberale, rafforzi il lato illiberale della società e approfondisca le disuguaglianze”.

Un altro elemento importante è stato il ruolo svolto dal Primo Ministro ungherese Viktor Orbán, il cui partito Fidesz ha affrontato a amara divisione un tempo apparteneva al PPE.

In un incontro a Roma lo scorso aprile, il leader della Lega Matteo Salvini – che siede allo stesso tavolo di Meloni – si è dichiarato in “pieno accordo” con Orbán per creare un nuovo “centrodestra” attorno ai socialdemocratici che emergono in tutto il Paese per combattere l’Europa.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.