I “big” Inter sono tornati per sempre… – Super Sport FM

Il campionato dell’anno scorso, il trofeo di quest’anno. QUELLO Tra indietro dopo 11 anno nel grande appuntamento caffè ItaliaVincita Juve e ricorda i tempi “d’oro”…

QUELLO Juve sono stati completati Italia girare intorno. Negli ultimi 10 anni è tornato dalla retrocessione e dalla punizione per “Kalsiopoli“, Più di dinamico. L’aria che esce come niente può portarla giù dall’alto punto.

Fino all’anno scorso. QUELLO Tra dare la battaglia di … vecchio con Milano e alla fine riuscì a salire al suo gradino più alto Serie A per la prima volta dal 2010 e José Mourinho. Non sarà il primo gemello ad entrare Juveperché un anno dopo lo vincerà in finale Coppa Italia e lo lascerà senza titolo dopo 11 anni. Ciò che serve, però, è la sua guarigione Tra sul suo trono.

Ricorda i tempi in cui la Juve era… assente!

Quando il pasticcio con “Kalsiopoli” e Juve tramandato, il predominio del calcio italiano cadde nelle loro mani Milano e Tra. Aveva senso, perché i roster erano spaventosi per l’epoca e onnipotenza hanno anche lasciato il Paese (due finali di Champions League, Milan, una, Inter). Tuttavia, all’interno delle mura, i “nerazzurri” hanno la prima Motivo.

Ha vinto il campionato cinque volte di seguito (!) anche se prima del 2005 ce l’aveva dal 1989 e tra in esso celebra tre coppe e Champions League. Tutti questi, Juve non l’ho vissuta da vicino, con i risultati della situazione attuale che mostrano… strano.

Un cambio di allenatore che non lo ha annegato!

Nel 2010, la sua partenza José Mourinho dopo la sua conquista campione Legaè un incubo per lui Tra. La prossima stagione l’ha appena vinto Intercontinentale ma anche Coppa Italiama da allora vive nell’oscurità per loro titolo. Non era nemmeno nella loro pretesa, ma… Antonio Conte Quello fermare questo.

Vincere il campionato ha portato l’allenatore italiano a su squadra negli ultimi 10 anni, ma non lo è è abbastanza. Inoltre, non ha riportato la squadra alla finale europea incidente dopo dieci anni. La rottura con amministrazione l’ha portata all’uscita e tutti hanno pensato che quello che le era successo si sarebbe ripetuto portoghese allenatore.

QUELLO Simone Inzaghi ha preso il controllo nonostante le proteste iniziali. QUELLO Romelou Loukako venduto contro 113 milioni di euro in Chelseacosì come o Hakimi in Parigi Saint Germain opporsi 65 milioni di euro. Molti parlano del suo scioglimento campione ma il respiro finanziario, completamente cambiato il modo operazione. La squadra è tornata più forte e anche se non lo era l’anno scorso “Macchina” è in gioco per il campionato con Milano quando raggiunge il suo apice Coppa Italia.

Resta da essere… Europa!

QUELLO Tra ha bloccato un biglietto europeo per la prossima stagione. Un obiettivo che… base negli anni precedenti, invece, è ormai solo la base per un nuovo superamento. Campionato vieni, arrivano le tazze. Quindi resta Europa. Dopo la finale con Siviglia in Europa Lega, “nerazzurro” poco convincente. Eccezione dal gruppo campione Lega la prossima stagione, secondo posto quest’anno ma caduta dai finalisti Liverpool a “16”.

È logico che il mondo viva per loro momento nel 2010, per risolverlo, deve essere effettuato un superamento collettivo Tra tutti gli obiettivi che si era prefissato negli ultimi anni. L’unico di sicuro è che questo manca proprio dall’italiano club.

Perisic sa da… la coppa e Barela dal big game!

L’intero gioco Tra, valutato da due persone. QUELLO Nicolò Barella che ha aperto le marcature e ha mostrato ancora una volta quanto sia importante a centrocampo ma anche Ivan Perisic che negli straordinari “parla” correttamente. Tuttavia, i dati sono ancora di più per i suoi due assi Tra.

Il centrocampista 25enne ha imparato a parlare con lui in conformità punto. La sua carriera lo dimostra, dopotutto. Insieme a Tra ha segnato due gol contro Fiorentinacosì come contro la Juventus quando ha segnato due gol importantissimi Champions League insieme a Slavi di Praga e Leverkusen. Quando invece era al Cagliari aveva “ucciso” Milano e Lazio.

E siamo arrivati controllo. L’esterno 33enne ha qualità innegabili. Lo ha dimostrato in modo più dinamico ora. In estensionecon il punteggio di 2-2, parlando nel modo più intenso, oltre che con due suoi bersaglioha regalato il titolo alla sua squadra ma anche a lui, quarto trofeo in carriera con la quarta differenza club (!).

In particolare, gli assi internazionali hanno celebrare tre volte Coppa di Germania, ma non con la squadra. Per essere precisi, indossa i loro colori Dortmund, Bayern Monaco e Wolfsburg, con cui ha alzato il trofeo. Adesso, Tra.

Fonte: www.bnsports.gr

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.