Hordur Magnusson: gli studenti di Chiellini, Pirlo e Conte al tavolo della Juventus

Chiellini è il suo mentore e la Juventus è la sua scuola.

È maturato calcisticamente nel campionato ed è salito di livello in Russia. È sinistro e gravemente ferito al tendine d’Achille della gamba destra. Fram lo attribuì al Panathinaikos dopo 31 anni. Il nuovo tappo di Clover, Hordur Magnusson, ha la sua storia da raccontare.

C’era una volta, quasi 31 anni fa, (campione) il Panathinaikos rivendicava la sua presenza nella versione sperimentale della Champions League e nella prima sosta verso il girone faceva coppia con il celebre islandese Fram. Su un campo che somigliava più alla vicina prateria, Louis Christodoulou lanciò i suoi due inimmaginabili “razzi terra-terra” sinistri che avrebbero deciso il destino delle qualificazioni, come dopo il 2-2 a Reykjavik seguito da uno 0-0 psicologico a Atene.

Da allora Fram è diventato parte integrante della storia dei verdi e ha segnato l’inizio di un percorso che ha portato la prima partecipazione della Grecia a un nuovo formato di competizione per club di massimo livello.

Il figlio di Fram Magnuson

Nel settembre 1991 Hordur Magnusson non era nemmeno nel grembo di sua madre. Sarebbe tornato in vita dopo 1,5 anni, l’11 febbraio 1993, ma tale era il ciclo della sua vita e il suo gioco così imprevedibile che il nazionale islandese è diventato il nuovo collegamento tra Trefoil e Fram. Dopotutto, in questa squadra, il portiere 29enne d’accordo con i Verdi è cresciuto nel calcio, iniziando all’età di 5 anni e lasciandolo poco prima di raggiungere l’età adulta.

Quando è andato alla Juventus nell’inverno del 2011 per entrare nelle giovanili, lo shock (culturale) è stato enorme. Anche se non abita a Roma, dove domina l’arena del pane e dello spettacolo, ma a Torino. Nonostante abbia dovuto sopravvivere per tre anni da solo in un luogo straniero con una popolazione molte volte quella della sua terra natale, senza conoscere una parola di una lingua che potesse facilitare il suo adattamento, ciò che ha incontrato è stato senza precedenti.

L’Islanda potrebbe essere stata negli ultimi dieci anni un Paese che ha investito in moderne strutture di allenamento per i giovani che praticano sport, ma quando si tratta di calcio, come ammette, “dobbiamo arrivare in campo un’ora prima per sgombrare la neve e poi allenati”. La mancanza di strutture interne è un ostacolo insormontabile.

È andato come centrocampista, è diventato uno stopper

Ecco perché l’adesione ai colossi italiani del Piemonte lo ha completamente cambiato. Dentro e fuori, una volta per tutte. Sia nel suo modo di pensare che nel suo comportamento competitivo. Fino ad allora era “un raccattapalle che nella partita Islanda-Italia ho dato la palla a Buffon, con cui poi ho fatto una foto” e all’improvviso è diventato suo compagno di squadra. Ma ha cercato di realizzarlo e fatalmente “mi batte il cuore”.

Solo il suo aspetto è rimasto inalterato. Rimane “bianca” o “bionda”, come viene chiamata scherzosamente, a causa della sua pelle molto chiara e del colore dei capelli in tinta. Altrimenti chiunque lo vedesse sul campo non lo riconoscerebbe.

In un primo momento è andato come centrocampista centrale giocando dietro gli attaccanti e subito si è trasformato in un centro difensivo. “Hanno visto che le mie abilità si adattavano di più alla schiena”. Occhi italiani. È alto, relativamente forte, ma soprattutto mancino e con una buona tecnica, cosa che gli allenatori richiedono e chiedono sempre come elemento.

Allievo di Chiellini in difesa, Pirlo è bravissimo sui calci di punizione

Dopo i primi 6 mesi di attesa prima dell’eliminazione del cartellino e contestualmente alla necessaria pulizia del menisco, con la Primavera ha contato quasi 40 partite (e 6 gol). Con la prima squadra, invece, niente. Tuttavia, lo stare con Chiellini, Bonucci e Barzagli in allenamento si è rivelato fruttuoso. Considera addirittura l’ex il suo mentore, poiché “mi ha dato molti consigli”.

Anche una grande lezione è la necessità di segnare Del Piero, Tevez o Llorente e Iaquinta. “Ho migliorato il mio stile, ho capito il mio ruolo e soprattutto ho imparato a pensare più velocemente contro avversari molto bravi”.

Lavora in due e tre difese (al fianco di Antonio Conte), facendosi pensare ogni volta diversamente e adattandosi alle richieste. “Alla Juventus ho imparato cosa significa davvero il calcio. È stato bello farne parte e crescere lì, creando grandi ricordi”.

Ai più esperti piaceva molto il piccolo, divenne il pupillo di tutti. Al punto che Pirlo in particolare e coetaneo ma… il più anziano Pogba lo portò con sé a fine programma per falli. Il piede sinistro aiuta a rendere i suoi pugni più imprevedibili, ha tecnica, quindi sta a lui allenare la sua meccanica. Qualcosa che è arrivato lungo la strada.

L’Inghilterra lo ha fatto maturare

I prestiti a Spezia e Cesena hanno segnato l’evoluzione del suo profilo calcistico. Era una fase preparatoria per non cadere senza… scudo e lancia nell’arena con le bestie del Campionato. Deve prima essere forgiato come un degno gladiatore con una seria possibilità di sopravvivenza.

“Sono stato molto fortunato prima che l’Inghilterra giocasse a calcio in Italia. In Italia ci concentriamo maggiormente sulla tattica e su come costruire il gioco da dietro, mentre in Inghilterra ci affidiamo più al calcio diretto e all’atletica”, ha detto dopo essersi abituato. al nuovo ordine.

A Bristol City, dove ha lasciato nell’estate del 2016, è stato scelto perché “è molto flessibile, veloce e gentile con la palla. È alto e ha un fantastico piede sinistro all’età di 23 anni, quindi ha avuto tutto il tempo per svilupparsi ulteriormente.” .” , come diceva il suo allenatore Lee Johnson.

Magnusson non sapeva molto di campionato, è andato online e ha cercato informazioni, ma non ha potuto rifiutare l’offerta, perché “Il campionato è di livello superiore alla serie B”. All’epoca gareggiavano contro squadre come Newcastle e Leeds, quindi doveva avere ragione.

Non aveva paura di adattarsi, invece, è entrato rapidamente nella pelle del suo ruolo, unendosi all’ambiente e assicurandosi di realizzare ciò per cui si era iscritto. Ha collezionato oltre 60 presenze e, sebbene la sua squadra non sia riuscita a raggiungere i tempi supplementari, è stato un titolare in nazionale.

In Russia con amore fino alla rottura del tallone d’Achille

Infatti, nel bel mezzo del Mondiale, in cui giocò tre 90 minuti (Argentina, Nigeria, Croazia), fu acquistato dal CSKA Russia e si stabilì a Mosca, percorrendo un’altra strada per migliorare il suo status. 93 presenze (14 Europa) e 5 gol, un 3-0 al Bernabeu a dicembre 2018 e un trofeo (Supercoppa, in quattro stagioni) sono numeri che almeno danno prova di coerenza.

Lui stesso, infatti, ha scelto di non entrare in discussioni per il prolungamento del contratto, nonostante l’umore positivo del club, mantenendo tutto quello che ha passato ma chiudendosi la porta alle spalle, perché “tutte le cose belle finiscono”.

Dopotutto, non tutto è roseo a Mosca. Grave lesione all’Achille della gamba destra, nell’aprile ’21, ferite a sinistra, alla gamba e all’anima. Fu subito operato, ma eseguito con estrema cura, seguendo le indicazioni del proprio medico e fisioterapista. Gli è stato dato il permesso di farlo e non ha dimenticato. Deve rimanere forte, essere paziente, prendersi il suo tempo. L’intonaco dovrebbe rimanere a lungo.

“Quando ho ripreso a camminare è stata una vera vittoria. Pensavo che mia figlia avrebbe imparato a camminare più velocemente di me, alla fine l’abbiamo fatto quasi contemporaneamente”. Ha gareggiato di nuovo nella partita ufficiale il 22 marzo. “Mi sento libero come un uccello.” E per questo motivo, ora è arrivato al Panathinaikos per continuare la sua formazione calcistica per tutta la vita.

sport24.gr

Benigna Rosiello

"Fanatico dei viaggi. Creatore. Pioniere di Bacon. Malvagio piantagrane. Specialista di zombi. Impenitente esperto di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.