Herrmann rifiuta l’ammissione volontaria dei richiedenti asilo – dpa

BIl ministro dell’Interno Ayern Joachim Herrmann (Csu) ha chiesto al governo federale di astenersi dall’accogliere volontariamente ulteriori richiedenti asilo dall’Italia e da altri paesi di frontiera esterna dell’UE. “In un momento in cui i numeri di accesso sono già alti, l’avvio di un programma di ammissione aggiuntivo non è solo un segnale sbagliato, ma rivela anche che il governo federale non si è reso conto della gravità della situazione”, ha detto domenica Herrmann dall’agenzia di stampa tedesca a Monaco. Il segretario federale degli interni Nancy Faeser (SPD) non può assumere nuovi impegni di ammissione senza consultare gli stati federali. “Alla fine, questo appesantirà solo il governo della città e travolgerà il nostro sistema sociale”.

“Mentre altri Stati membri dell’UE stanno testando le loro politiche in materia di asilo, il governo federale sta andando per la sua strada senza pensare e chiudere un occhio sulla realtà”, ha criticato Herrmann. “Sotto il mantello della vera umanità, questa è la politica dietro gli stati federali, i comuni e, in particolare, i cittadini”. Herrmann è attualmente presidente della conferenza dei ministri degli interni di stato.

Di recente, l’associazione distrettuale tedesca ha chiesto al governo federale di non accettare più richiedenti asilo dall’Italia e da altri paesi di frontiera esterna dell’UE. Herrmann ha definito questa richiesta “totalmente comprensibile nella situazione attuale”. “Molti paesi hanno raggiunto i limiti di capacità e le opzioni di alloggio nei comuni vengono sfruttate”.

Circa due terzi degli stati federali attualmente non accettano più richiedenti asilo dal sistema di distribuzione nazionale. La Baviera è attualmente uno dei pochi paesi che non è stato rimosso dal sistema. “Questo è davvero preoccupante. Il governo federale deve finalmente prendere sul serio le richieste di aiuto degli stati federali e dei comuni”, ha affermato Herrmann.

Entro giugno, la Germania aveva accettato di accettare 3.500 richiedenti asilo. Si tratta di un contributo al meccanismo di solidarietà volontaria dell’UE, originariamente previsto per un anno, per liberare i paesi di frontiera meridionali come l’Italia. L’obiettivo principale è sulle persone che sono state salvate dalle difficoltà in mare da organizzazioni umanitarie private. Secondo il ministero dell’Interno federale, i primi trasferimenti in Germania dovrebbero essere previsti entro la fine di settembre.

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.