Ha citato in giudizio la ferrovia per 25 centesimi e ha vinto in tribunale dopo 22 anni

Quando Tungnath Chaturvedi, 66 anni, ha acquistato un biglietto alla stazione di Mathura nell’Uttar Pradesh nel 1999 per andare a Moradabad, gli sono state addebitate 90 rupie invece di 70. In seguito si è lamentato ma non ha ottenuto alcun rimborso.


Chaturvedi ha presentato ricorso al tribunale dei consumatori locale di Mathura contro la Northeast Division of Indian Railways e, dopo 100 udienze, il tribunale si è pronunciato a suo favore, ordinando alle ferrovie di pagare una multa di 15.000 rupie ($ 188) con un interesse del 12%.


Secondo il verdetto, se entro 30 giorni non viene pagato, gli interessi aumenteranno al 15 per cento.


Il verdetto è stato una dolce vendetta per Chaturvedi, ma come ha detto alla BBC: “L’energia e il tempo che ho sprecato a combattere questo caso non hanno prezzo”.


Il caso mette in evidenza il sistema giudiziario sovraccaricato dell’India, dove circa 40 milioni di casi “intasano” il sistema. È noto che i tribunali impiegano dai 10 ai 15 anni per emettere un verdetto.


Ciò che ha stupito è stata la tenacia di Chaturvedi, nonostante la quantità relativamente piccola di denaro in discussione, che lo ha portato alla Corte Suprema – quando il caso è stato inizialmente archiviato.


La sua famiglia ha cercato di convincerlo che era inutile e una perdita di tempo e denaro, anche se si rappresentava e quindi non aveva spese legali, ma era insistente.


“Il denaro non è importante. Riguarda esclusivamente la lotta per la giustizia e la lotta alla corruzione, quindi ne vale la pena”, ha affermato l’avvocato indiano.


Altrettanto sorprendente è che la Indian Railways, la più grande compagnia del paese, abbia deciso di continuare a combattere il caso.

Seguici su Facebook e Instagram la mia pagina Twitter Account.

Malvolia Cocci

"Studente. Avido evangelista del bacon. Ninja di Twitter per tutta la vita. Fanatico della birra. Pioniere del cibo."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.