Gloria Privileggio: una cittadina con radici italiane al culmine della Maratona Classica

Gloria Privileggio racconta sulla Gazzetta la sua esperienza correndo una maratona, la sua vittoria sulla classica di ieri, ma anche il suo background molto interessante.

Quando arrivò a Kalimararo, Gloria Privileggio aveva un grande sorriso stampato in faccia. Probabilmente il più grande che abbiamo mai visto di un corridore finire un vincitore in una dura maratona classica.

L’unicità di questo percorso è che anche per i corridori professionisti richiede una gestione diversa rispetto alle corse su percorsi pianeggianti. E hai bisogno di una mente chiara.

QUELLO privilegio, un atleta con un background molto interessante, ha partecipato a questa competizione di lettura e ha ottenuto la vittoria che aveva sempre sognato. Ha corso una maratona, ma dentro Itinerario Classico ieri ha provato a tentare la fortuna, almeno a livello professionale. E questa “porosità” che ha segnato l’inizio della sua presenza in questo sport, lo ha reso l’atleta di massima distanza del Paese.

“L’ho fatto davvero ieri, mi sono divertito. Ho fatto meglio di quanto mi aspettassi. La verità è che il mio sorriso viene fuori perché sono un po’ emozionato. La mia porosità con questa maratona è iniziata da dilettante. “E quello che ho vissuto ieri era lo stesso, assolutamente niente”, ha detto Gazzetta Quello privilegio che … prende una montagna (soprattutto non da qualche parte lontano, in … ) per superare la difficoltà della gara.

“La verità è che avevo un po’ paura. Volevo fare una bella gara sulla Classica e siccome corro da molti anni maratone, solitamente in pianura, avevo un po’ paura della gara. Ma Ho lavorato sodo in Hymettus e ci ho messo molta forza perché Maratona classica ha una pendenza ripida, ma anche discende. Con questo allenamento, ma anche le letture che ho fatto per la gara, è venuto fuori questo incredibile percorso. Sono andato a un concorso di lettura. So dove tagliare, dove aprire. “The Marathon vuole leggerlo”, ha detto in modo caratteristico.

QUELLO privilegio nonostante la speranza di fare un track record (2:39.10) ) non ci ha pensato durante la gara.

“Avevo un piano per correre sotto 2:45. Ero un po’ prudente in alcune parti del percorso. Non avevo in mente il record ieri. Volevano che facessi una gara sicura. Tuttavia, il record potrebbe essere Maria Polyzou. “Ieri ero in ottima forma e il tempo ha aiutato a ottenere una prestazione migliore di quanto mi aspettassi”, ha detto Gazzetta.

Dal nuoto tecnico alla maratona

La sua avventura con la maratona è iniziata per divertimento. Nel 2011 era un tecnico nuotatore e decise con altri atleti di correre la Maratona, anche da dilettante.

“Ero un nuotatore tecnico e nel 2011 un collega atleta e ho deciso di andare alla maratona per divertimento. Amo la corsa libera per il fitness e noi amavamo. “Amavo la distanza e tutti questi giochi di gestione della potenza”, ha detto ricorda. privilegio che da allora è appassionato di sport ed è diventato un membro principale della squadra nazionale nei principali tornei.

Gloria Privileggio

Ma si è trattenuto mentre ha sottolineato che la maratona è una gara imprevedibile, che ha i suoi svantaggi.

“È una gara davvero solitaria e stressante perché correrai due gare in un anno. Ed è stressante perché in queste due partite puoi infortunarti, il tempo può essere brutto, puoi essere cancellato… non lo fai sappi se ce la farai e stai preparando un’intera stagione per queste due partite. È una gara ingiusta rispetto alle altre piste”.

In quel momento siamo arrivati ​​ad affrontarlo… i sei combattimenti che gli americani hanno avuto negli ultimi 42 giorni Chalein Flanagan, dove risolve tutto sotto 2:45.0. Questo particolare progetto è allettante…, ma in un’altra fase della sua carriera.

“Correre con un atleta 6 gare in un mese e mezzo è incredibile. È anche un grande progetto. È abbastanza difficile ovviamente e doloroso. Se guardiamo quanto è stanco il corpo per coprire lunghe distanze, allora possiamo capire i rischi di provando qualcosa del genere. “Forse ho osato farlo alla fine della mia carriera perché provarlo ora potrebbe metterti nei guai e rovinare ciò che hai costruito”, ha risposto.

Privileggio: “Lavoro come fisioterapista per sbarcare il lunario”

Con le piccole somme che gli atleti di atletica leggera guadagnano per i campionati, Gloria è uno dei tanti atleti costretti a lavorare in parallelo per sbarcare il lunario. Ha lavorato come fisioterapista per molti anni e cerca di conciliare la sua vita tra lavoro e formazione.

“Lavoro come fisioterapista e contemporaneamente faccio due esercizi al giorno. Cerco di unire professione e formazione perché non c’è altro modo. E la maratona ha la particolarità che anche se trovi uno sponsor, può stare con tu un giorno e non il successivo se ottieni qualcosa. Non è facile avere uno sponsor in una gara del genere. Sono stato fortunato perché ho lavorato prima di correre la maratona. “È impossibile sopravvivere altrimenti”, ha sottolineato in Gazzetta Campione 33enne GS Glifada.

Le sue radici provengono da Istanbul e Venezia

QUELLO privilegio avere un background interessante. Come mostra il suo cognome, ha origini italiane, ma anche Costantinopoli. Suo padre in particolare è di Istanbul con radici da Venezia. Dopo qualche tempo visse Sirovai a Costantinopoli insieme alla moglie e nel 1982 torna in Grecia dove è nato Gloria.

Il campione di maratona ha preso elementi da culture diverse e questo lo ha aiutato a plasmare la sua personalità e allo stesso tempo ad amare la cultura Politissa.

“Vado a Italiama anche dentro Costantinopoli. I miei genitori sono venuti in Grecia da Polis nel 1982. Lo amano e ci vanno ogni anno. E mi hanno inserito in questa filosofia culturale”.

Insieme a Italia non molto contatto. Tuttavia sa bene che l’Italia… il prossimo anno in termini di distanza (corsa o maratona) e gli olimpionici stanno “guadagnando”. E questo, come ha detto, ha a che fare con la loro cultura sportiva, che è molto più avanti di quella greca.

“L’Italia è qualche anno avanti a noi. Hanno le infrastrutture, gli incentivi economici ed è per questo che hanno la concorrenza. Fanno tante gare in un anno e hanno creato una tradizione. Io mi sono allenato lì e posso dire che non abbiamo ottenuto nulla nell’organizzazione. loro”.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.