Gli manca il cibo fatto in casa, apre un ristorante e… assume sua madre

Come molti immigrati che vivono all’estero, a Pepe Corsaro mancava la cucina della madre.

Nata in Sicilia, si è trasferita a Londra all’età di 16 anni e presto ha iniziato a desiderare i sapori e le tradizioni della sua casa, in particolare il brunch domenicale, quando mamme e nonne cucinano piatti senza tempo per maratone all’aperto rilassate.

Con una carriera di successo nel settore della ristorazione, Corsaro si stava godendo una serata tra amici quando qualcuno scherzosamente gli suggerì di portare sua madre a cucinare.

Solo lui lo prende sul serio, ha detto CNN.

“Mi sono detto, perché no? Allora ho preso mia madre e gliel’ho chiesto. Lei mi ha detto: ‘Verrò domani’.

Così è nata La Mia Mamma. Ha iniziato come ristorante pop-up nel 2018, prima di diventare una catena di ristoranti e ristoranti raffinati.

Ricetta per il successo

La “ricetta” del successo è semplice: le mamme e le nonne italiane vengono “reclutate” dall’Italia.

Si sono poi trasferiti a Londra per rimanere per tre mesi, servendo le loro ricette tradizionali basate sulla loro cucina locale, prima di consegnare il cappello da chef a un nuovo “pool” di mamme provenienti da tutta la regione.

Si tratta di un progetto originale, in quanto il cibo in Italia varia molto a seconda della regione.

Ogni ristorante ha tre madri, identificate per la prima volta in Italia tramite i social media.

“Non stiamo cercando chef professionisti, ma massaie che cucinano per le loro famiglie”, ha detto Corsaro, aggiungendo che il candidato prescelto è stato poi trasferito a Londra per un processo, e poi ha ricevuto alloggio, abbonamento e uno stipendio equivalente a un soldo chef.

La maggior parte di queste madri, di solito sulla sessantina e spesso in pensione, non ha mai vissuto all’estero. Portano le proprie ricette e si preoccupano di garantire che siano eseguite alla perfezione, con l’aiuto di personale di cucina esperto.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.