Finale ESC a Torino: cantare invece di sparare – cultura

Folklore ed electrobeat sono spesso formule di successo all’Eurovision Song Contest (ESC). Ma se l’Orchestra Kalush dell’Ucraina è considerata la favorita per le finali di un concorso musicale, si può presumere che questa sia un’espressione dell’umore politico.

Del resto, l’intera Europa esprime la sua solidarietà al Paese che è stato attaccato dalla Russia di Putin. Ma questa ipotesi è sbagliata. “Stefania”, il brano che la Kalush Orchestra eseguirà sabato sera a Torino, è semplicemente un’ottima canzone, di guerra o no.

Inno per la madre

“Stefania” inizia con un’introduzione polifonica a cappella, che sale brillantemente, poi i ritmi hip-hop prendono il sopravvento. Un rapper pagaia e pompa attraverso il palco, la voce si alterna tra lui e il cantante, che occasionalmente suona un flauto a braccio, uno strumento tradizionale chiamato telynka.

Canta le lodi di una madre dai capelli grigi di nome Stefania, a cui viene chiesto di cantare ancora una volta una ninna nanna d’infanzia per il testo della canzone stessa. Il rapper indossa un gilet in maglia e un cappello a secchiello, entrambi colori sgargianti, mentre il cantante indossa una camicia ricamata in stile contadino.

Un tipo calvo ballava con una specie di abito da monaco su un piedistallo. Dietro i musicisti, ornamenti folcloristici scivolavano come sporgenze sulle pareti. “Stefania” è una dichiarazione d’amore che nelle ultime settimane potrebbe assumere nuovi significati.

Perché in tempi patriottici c’è una madre più grande: l’Ucraina. “Troverò sempre la strada di casa, anche se la strada è interrotta”, recita una riga della canzone.

[Wenn Sie alle aktuellen Nachrichten live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere runderneuerte App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Il cantante By Psiuk ha fondato la Kalush Orchestra nel 2021 nell’omonima città dell’Ucraina occidentale. Il vero nome di sua madre è Stefania. Nella fase preliminare nazionale dell’ESC all’inizio di febbraio, i sei musicisti sono arrivati ​​​​solo secondi. Ma poi la vincitrice Alina Pash ha annullato la sua partecipazione dopo essere stata criticata per aver visitato la Crimea. I musicisti Kalush sono in età militare e possono partecipare alle competizioni con un permesso speciale.

Quando si tratta di scommesse, la Kalush Orchestra è chiaramente in vantaggio. Ma ciò non significa che vincerà davvero. Il servizio di streaming Spotify prevede un finale diverso rispetto al finale. L’anno scorso, sulla base dell’analisi dei dati, aveva predetto correttamente la vittoria del gruppo rock italiano Måneskin.

Sulla base delle visualizzazioni dello streaming, il duo italiano Mahmood e Blanco guiderà con la loro canzone “Brividi”, seguito dalla cantante svedese Cornelia Jakobs con “Hold Me Closer” e dal cantante-rapper olandese S10.

‘Brividi’, italiano per brividi, è una ballata per pianoforte e archi bella ma non opprimente, eseguita con molto falsetto. E non possono segnare anche gli outsider, come Zdob the Zdub & Advahov Brothers dalla Moldova con le loro esibizioni pazze che mescolano cliché etno e rock’n’roll?

Il tocco di Ed Sheeran

Questa volta la speranza tedesca è su Malik Harris. La sua canzone “Rockstars” ricorda vagamente Ed Sheeran. Harris canta in una semi-ballata appariscente che inizia con il piano elettronico, quasi proprio nel mezzo del cantante che si rivolge al canto, dove la parte si espande miseramente per un momento, solo per non essere all’altezza alla fine. In sottofondo si sente un temporale.

La tensione è minore, la melodia non si attacca. Il testo inglese parla di insicurezza e nostalgia dei “bei vecchi tempi”, un tempo prima che la vita smettesse di brillare.

Malik Harris, nato 24 anni fa come figlio di un presentatore televisivo americano a Landsberg am Lech, ha pubblicato dieci singoli e un album fino ad oggi. Il bookmaker lo ha visto solo al 26° posto nella competizione musicale. Nell’ultimo round del 2021, la cantante tedesca Jendrik è riuscita a classificarsi al 25° posto solo con la canzone “I Don’t Feel Hate”.

Insieme a Italia, Gran Bretagna, Francia e Spagna, la Germania è uno dei cosiddetti Big Five, destinati alla finale senza nemmeno qualificarsi.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.