Eurovision 2022: l’Ucraina grande favorita – La storia dietro “Stefania”

Il grande giorno è arrivato. In poche ore il Pala Olimpico di Torino ospiterà 25 nazioni per la finalissima dell’Eurovision.

Uno dei favoriti del 66° concorso canoro è l’Ucraina.

La Kalush Orchestra è salita sul palco nella prima semifinale, cantando la canzone “Stefania” ed elevando il pubblico, mentre inviava il proprio messaggio al proprio paese in guerra con la Russia.

La canzone combina elementi melodici con il rap e, dall’inizio dell’invasione del paese da parte di Vladimir Putin, è diventata l’inno nazionale non ufficiale dell’Ucraina.

“Ora è nel cuore di molti ucraini”

“La canzone è stata scritta molto prima della guerra e dedicata a mia madre. Dopo l’invasione e la guerra, ha assunto un’altra dimensione e molte persone hanno iniziato a identificarsi con l’Ucraina come la madrepatria. “Ora è nel cuore di molti ucraini e la sua popolarità e il suo simbolismo sono aumentati in modo significativo”, ha affermato il cantante Olech Psiuk.

La band prende il nome dalla città dell’Ucraina occidentale, che ha accolto un’ondata di profughi.

Di Psiuk Prima di andare in Italia per partecipare al concorso, ha guidato un gruppo di volontari che hanno preparato bottiglie molotov, distribuito cibo e medicine e trasportato i rifugiati in salvo.

Sul suo account Instagram personale, tra i videoclip di “Stefania”, c’è un video con attentati e truppe.

Si preoccupa e vive nella paura di non rivedere mai più la persona che ama.

“Non potevo gioire, perché ero preoccupato per i miei cari. La guerra mi ha separato dal mio compagno. Era a 300 chilometri da me. “Non potevamo incontrarci perché era così pericoloso”.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.