Estate turistica russa (non europea): Maldive e Turchia invece di Grecia e Italia

Mentre Unione europea sospendere il trattato di estradizione visto di viaggio a causa delle sanzioni imposte dall’Occidente a Mosca, i ricchi Russia i turisti cercano alternative fuori dall’Europa, riporta Deutsche Welle in un articolo.

Il 24 febbraio, quando i missili russi hanno sorvolato l’Ucraina, i russi non avevano idea di cosa sarebbe successo loro.

Il rublo è crollato, l’accesso ai loro conti bancari offshore è stato interrotto e le loro carte di credito sono state disabilitate. “L’ultima cosa a cui qualcuno può pensare è un viaggio all’estero”, ricorda Olga Smislaveva dell’agenzia di viaggi Wanderlust a Mosca in un’intervista a DW.

“L’interesse per i viaggi durante la fine di febbraio e marzo è quasi zero, ad eccezione dei viaggi di lavoro e di famiglia all’estero. Le prenotazioni già effettuate sono state cancellate, mentre non è stato aggiunto quasi nulla di nuovo”.

Destinazioni di vacanza di lusso: Maldive, Mauritius, Turchia

Non è stato fino a maggio che alcuni russi “audaci” e ricchi hanno osato viaggiare di nuovo all’estero alle Maldive, alle Mauritius e alla Turchia. La domanda di destinazioni turistiche premium e di lusso è nuovamente in aumento. “Le persone stanno iniziando ad adattarsi alla nuova realtà e stanno cercando di viverci”, riassume Smyslaeva.

Tuttavia, c’è anche una tendenza per i viaggi di vacanza Tacchino, che continua ancora oggi, ha affermato Artur Mouradyan, dell’agenzia di viaggi Space Travel. Inoltre, le prenotazioni turistiche russe per Grecia e Italia non si fermano: “Per i russi facoltosi con visti Schengen validi, la sospensione dei voli diretti verso i paesi dell’UE non è un problema”, ha detto a DW.

Anche le destinazioni per vacanze di lusso sono molto richieste “nei paesi che avvantaggiano i turisti russi”, spiega Muradian, che pone gli Emirati Arabi Uniti in cima alle prenotazioni per il prossimo autunno e inverno, così come i paesi del sud-est asiatico:

“Fortunatamente, il collegamento aereo è molto buono”, ha detto con soddisfazione. Inoltre, sottolinea, i viaggi all’estero sono diventati più economici per i russi poiché il rublo ha ricominciato a salire rispetto all’euro e al dollaro.

La domanda per le destinazioni europee è in calo

Allo stesso tempo, la domanda di viaggi in Europa è diminuita. Ciò è dovuto a due fattori: l’assenza di voli diretti e le sanzioni contro la Russia: “Nessuno vuole viaggiare in Paesi ostili, perché nessuno sa in anticipo se questo potrà essere usato contro di loro in futuro”. Tipico vocabolo muradiano. .

Secondo il governo russo, il cosiddetto “paese ostile” copre tutti i paesi dell’UE. È nell’elenco dei paesi del Cremlino, creato in risposta alle sanzioni occidentali.

E che dire di tutti quei ricchi russi? Possono ancora noleggiare liberamente yacht e jet privati ​​in Occidente? Olga Smyslaeva osserva che “finora non ci sono restrizioni su questo tipo di servizio. Fortunatamente non ancora”.

La domanda è come verrà pagato questo lusso. Almeno tecnicamente, perché Visa e Mastercard emesse in Russia non sono più valide in Occidente. Anche i depositi bancari sono diventati difficili, ma nulla è ancora impossibile, affermano gli agenti di viaggio.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.