Erdogan ripete “una grande nazione… – Sportdog.gr – Notizie sportive | Notizie

Al culmine dell’assurdità.

Di Savvas Calendaridis

La nuova narrativa di Erdogan per la Grecia si basa su narrazioni precedenti di Mustafa Kemal e Kemalists.

Sulla grande “menzogna nazionale”, Kemal ei suoi seguaci hanno combattuto contro gli imperialisti occidentali, che stavano cercando di occupare il loro paese.

Pertanto, l’ideologia kemalista era essenzialmente “antimperialista” e sicuramente molto antioccidentale, fino a tempi recenti.

Ma la verità storica è diversa. Mustafa Kemal non ha sparato proiettili contro gli “imperialisti occidentali”, nemmeno un proiettile. Invece, Kemal ottenne un visto dal capitano John Godolphin Bennett, dei servizi segreti britannici, per andare da Costantinopoli con il suo staff al martire Amiso e iniziare la lotta per “liberarlo” da lì. Con la benedizione dell’Inghilterra. Il calendario indica il 16 maggio 1919, pochi giorni dopo il “permesso” concesso dagli inglesi a Venizelos di sbarcare le truppe greche a Smirne. In effetti, Mustafa Kemal è stato accolto ad Amiso dal maggiore britannico Salter, che secondo quanto riferito gli avrebbe detto: “Il mio battaglione è sotto il tuo comando”.

Pertanto, la narrazione della lotta “antimperialista” è completamente sbagliata, poiché gli islamisti in particolare credono che Mustafa Kemal fosse uno strumento britannico, che non ha mai combattuto.

Diamo un’occhiata all’aiuto ricevuto da Kemal dall’estero durante la guerra dell’Asia Minore:

Secondo lo storico turco Mustafa Solak:

Halil Pasha, che andò all’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) dopo il Congresso di Sebastien, ricevette un aiuto per un valore di 100mila libbre d’oro nel luglio 1920. Il ministro dell’Economia Yusuf Kemal ricevette 1 milione di rubli d’oro il 6 ottobre 1920. Il l’importo dell’aiuto monetario ricevuto dall’URSS durante la guerra era di 11 milioni di rubli in oro e 100 mila sterline d’oro.

Inoltre, secondo lo stesso storico turco dell’URSS, l’aiuto di armi e munizioni era il seguente: “37.812 fucili, 324 mitragliatrici pesanti e leggere, 44.587 cartucce, 66 cannoni, 141.173 proiettili, 3mila baionette, 1.500 spade, 20.000 maschere antigas e 4mila granate”.

Per quanto riguarda altri paesi, gli storici turchi affermano quanto segue:

“Il 2 ottobre 1920 l’Azerbaigian ha fornito aiuti costituiti da 19mila libbre di oro ottomano, 1 milione di franchi francesi e aiuti petroliferi. Inoltre, 500 cento libbre di oro ottomano sono state date al generale Kazım Karabekir Pasha per l’educazione dei bambini orfani”.

Per quanto riguarda l’assistenza di Francia e Italia, l’assistenza ricevuta da Kemal è stata la seguente:

“Dopo la firma del Trattato di Ankara con la Francia il 20 ottobre 1921, la Francia ha lasciato 10.089 fucili, 1.505 cartucce di fucili e 10 aerei da guerra. L’Italia a sua volta non ha fornito armi, ma ha fornito assistenza finanziaria. Hanno istituito organizzazioni postali, aperto scuole, fornito prestiti ad agricoltori e commercianti, fornito beni che i funzionari del governo turco non potevano trovare e riparato strade e moschee”.

Questa è stata l’assistenza che Mustafa Kemal ha ricevuto dall’Unione Sovietica, Gran Bretagna, Francia e Italia, assistenza a livello politico ed economico, nonché aiuti in armi e munizioni.

Come si può vedere, i Greci, mentre venivano spinti e spinti a sbarcare a Smirne e intraprendere un’avventura che si concluse con la tragedia della catastrofe minore asiatica, furono via via lasciati soli, con alleati in competizione tra loro per chi si sarebbe avvicinato . e chi avrebbe fornito maggiore assistenza a Kemal, per continuare l’opera di genocidio contro Greci, Armeni e Assiri sfuggiti alle grinfie dei Giovani Turchi, e per sconfiggere l’esercito greco che si era trovato in Asia Minore, senza una nazione esercito. piano e senza scopo.

Quindi, la lotta di Kemal e Kemalites, non era affatto antimperialista, proprio così, era una conseguenza della pianificazione del potere imperialista.

Ora Erdoğan, riproducendo questa falsa narrativa, questo falso mito, sta cercando di farlo alzare in piedi e dire alla Turchia che l’Occidente e la NATO stanno usando di nuovo la Grecia, come hanno fatto nel 1919-1922, e che la Turchia sarà distrutta di nuovo. I piani occidentali “neoimperialisti” e che ancora una volta la Grecia pagherà un caro prezzo. Erdogan è ancora una volta antioccidentale e antimperialista, accarezzando le orecchie dei turchi, che vogliono qualcosa del genere. Ma Erdogan ha dimenticato due cose:

Primo, che la Grecia è contraria all’espansionismo turco, perché è quello che deve fare e continuerà a farlo a tutti i costi e con ogni sacrificio, contando principalmente sulle proprie forze. Non lo calpesteremo più come nel 1919-1922.

In secondo luogo, che ancora una volta il principale sostenitore della Turchia è l’Occidente “malvagio”, come lui stesso sa benissimo, che senza l’appoggio dell’Occidente, NATO, Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania, sarebbero senza tolleranza e la loro complicità nel continuo massacro. Curdi e aleviti, la Turchia sarà smembrata centinaia di volte.

FONTE: Infognomonpolitics.gr

Segui sportdog.gr su Google News e sii il primo a sapere tutto Notizie sportive

Vedi tutto Notizie sportive dalla Grecia e dal mondo, su sportdog.gr

COMMENTA QUELLO

Benigna Rosiello

"Fanatico dei viaggi. Creatore. Pioniere di Bacon. Malvagio piantagrane. Specialista di zombi. Impenitente esperto di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.