Draghi: 3.400 soldati italiani pronti a schierarsi nei Paesi Nato

Draghi: 3.400 soldati italiani pronti a schierarsi nei Paesi Nato

Mario Draghi

© 2022 AFP

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha espresso la sua disponibilità a inviare altri 3.400 soldati italiani nei paesi della NATO alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha espresso la sua disponibilità a inviare altri 3.400 soldati italiani nei paesi della NATO alla luce dell’invasione russa dell’Ucraina. Roma è stata inizialmente in grado di mobilitare “circa 1.400 uomini e donne dell’esercito, della marina e dell’aviazione” e poi altri 2.000 soldati, ha detto venerdì Draghi. Le truppe saranno dispiegate “nelle aree di responsabilità della NATO”.

È stato un “messaggio di unità” dell’Italia e della NATO, ha sottolineato Draghi. “La nostra priorità oggi dovrebbe essere rafforzare la sicurezza del nostro continente e fare più pressione possibile sulla Russia affinché ritiri le sue truppe e torni al tavolo dei negoziati”. Centinaia di truppe italiane sono attualmente dispiegate in Lituania e Romania.

Draghi ha anche annunciato un’assistenza finanziaria di 110 milioni di euro per “scopi umanitari e stabilizzazione macrofinanziaria” in Ucraina. Saranno forniti fondi anche nel settore della difesa, compresi i dispositivi di protezione.

AFP

Marinella Fontana

"Specialista dell'alcol. Appassionato risolutore di problemi. Esperto di musica freelance. Pioniere del cibo malvagio. Appassionato di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.