Dopo Miami, F1-75 in miglioramento

La Scuderia sostiene che non c’è motivo di affrettarsi nello sviluppo della sua vettura, nonostante il dominio di Max Ferstappen e RBR a Imola. Quindi, nei prossimi tre giorni al primo GP di Miami ci sarà solo una serie di modifiche a vita bassa.

La verità è che la corsa di Ferstappen sulla RB18 al GP dell’Emilia Romagna questa Pasqua non deriva dalla mancanza di velocità della Ferrari. Del resto, alla gara Sprint, Charles Leclerc si è allontanato dalla prima posizione e ha mantenuto un margine di sicurezza rispetto all’olandese, fino a quando è iniziata l’usura della gomma morbida della F1-75 negli ultimi tre giri.

La sconfitta statale della Ferrari a Imola è stata il risultato di problemi nella gestione delle gomme, di ogni tipo sia sabato allo Sprint che nella gara di domenica, ma anche per gli errori di guida di Leclerc e Carlos Saint.

Ferstappen stesso ammette che la velocità della Ferrari F1-75 non manca sul tracciato italiano, quindi la Scuderia continuerà la sua strategia a Miami fino ad ora: sforzi per comprendere appieno il cavallino e trarne tutto il potenziale attraverso la gestione delle gomme.

Quindi, come confermato dal direttore del team Matia Binoto, l’italiano avrà solo un set modificato di aerodinamica a bassa portanza alla gara della Florida USA a causa degli enormi rettilinei del nuovo circuito e del primo importante pacchetto di aggiornamento dalla F1. -75 arriverà nella prossima partita.

auto Ferrari

auto Ferrari
CREDITO FOTOGRAFICO: FERRARI MEDIA

No, non avremo la base [αναβάθμιση] a Miami, ma avremo ancora alcune parti nuove sull’auto”, disse Binoto. “A causa dell’alta velocità del circuito di Miami, rispetto alle gare fino ad ora, avremo qualcosa di diverso in termini di galleggiamento. Siamo ottimisti sul fatto che il nostro livello di galleggiabilità sia abbastanza efficiente.

Ma lo sappiamo anche Toro Rosso hanno anche un pacchetto di sollevamento medio/basso, e saranno quindi competitivi. Sarà una nuova pista e una nuova sfida, molto interessante”.aggiunse l’italiano.

Dall’inizio dell’anno, la RB18 è stata più veloce nelle curve veloci e nei rettilinei, e questa è stata una delle sfide della Ferrari quest’anno. RBR, invece, è costretta ad aumentare la leva della sua vettura per competere con la Ferrari – che è più veloce – nell’accelerare nelle curve intermedie e lente, grazie alla sua superiore potenza del motore.

“Se guardi alla gara di Jeddah (ss: dove ci sono anche curve dritte e veloci), sicuramente [η RBR] sarà molto più veloce. Se guardiamo al Bahrain, l’influenza è sicuramente lì DRS è più potente e il modo in cui ci prende sui rettilinei è importante. “Ma in Australia penso che abbiano aggiunto portanza e la velocità delle due vetture sia simile”. ha proseguito il direttore della Scuderia.

Direttore della Scuderia, Mattia Binoto

Direttore della Scuderia, Mattia Binoto
CREDITO FOTOGRAFICO: FERRARI MEDIA

“Quindi, quando abbiamo le stesse ali, siamo anche molto vicini al loro ritmo. Quindi, non credo che ci sia molta differenza lì. Sappiamo che possiamo migliorare le nostre ali per renderle più efficienti, ma non mi aspetto che questo sia un problema. E poi, è tutta una questione di compromesso [στη ρύθμιση της άντωσης] per un turno di qualificazione, per la gara e per l’usura delle gomme”.

L’uomo forte della Scuderia ha anche detto che la squadra sta continuando ad apportare modifiche – come Melbourne – per risolvere il problema del porpoising, anche se questo non ne pregiudica affatto il testacoda – in contrasto con l’effetto devastante che ha avuto sulla Mercedes.

“Ci stiamo ancora lavorando delfini, che come puoi vedere è abbastanza autoesplicativo. È più intenso per noi di toro rosso, e nasconde il potenziale per trovare un po’ più di velocità”, Concluse Binoto.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.