Dopo l’Ungheria, dubbie fondazioni americane hanno interferito nelle prossime elezioni in Italia

Alle elezioni italiane si profila una vittoria schiacciante per i partiti di centrodestra, e il “potere della democrazia” è sostenuto dalla stessa fondazione americana che considera l’Ungheria uno “stato battaglia”.

Dopo la campagna elettorale per le parlamentari ungheresi di aprile, anche la Fondazione americana Action for Democracy si è impegnata nella politica italiana.

Secondo il suo sito web, la fondazione considera Ungheria, Italia, Brasile, Turchia e Polonia i “principali paesi combattenti”. “I paesi chiave sono i luoghi del mondo in cui riteniamo che la democrazia sia più minacciata e dove entro il prossimo anno si terranno le elezioni che determineranno il destino di quella democrazia”, ​​spiega la fondazione.

In vista delle elezioni del 25 settembre in Italia, Azione per la Democrazia ha spostato l’attenzione su Roma. Secondo gli ultimi sondaggi, la coalizione di centrodestra (Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia) dovrebbe ottenere circa il 45 per cento dei voti. “Con una schiacciante vittoria elettorale, la destra avrà un sostegno sufficiente in parlamento per modificare la costituzione italiana senza un referendum pubblico. Ciò potrebbe mettere a repentaglio i diritti civili fondamentali”, ha avvertito la fondazione.

Abbiamo visto cosa è successo in Brasile, Ungheria e Stati Uniti quando un’ondata di odio ha travolto il movimento civile. Dobbiamo unire le forze per evitare che la stessa cosa accada in Italia”.

Il partito al governo ungherese Fidesz e il primo ministro Viktor Orbán hanno mantenuto buoni rapporti con tutti i leader della coalizione di centrodestra, compreso il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. La politica ungherese è spesso discussa durante le campagne elettorali.

Secondo il suo sito web, Action Alliance for Democracy “aiuta le organizzazioni e le iniziative della società civile a ottenere il sostegno dei cittadini per ottenere un cambiamento significativo, accelerato ea lungo termine nella società. Firme su petizioni, idee e contributi volontari sono ciò che ognuno di noi può dare a questa realtà per dare forma a un’Italia migliore”.

I dati pubblici, citati dal quotidiano ungherese Magyar Nemzet, mostrano che le fondazioni americane finanziano almeno cinque Ong italiane “tutte legate alla sinistra”. “Tra le organizzazioni beneficiarie di sovvenzioni, la più interessante è Progressive Acts, un’organizzazione con sede a Bruxelles che utilizza servizi tecnologici avanzati per svolgere mobilitazioni politiche, dalla raccolta fondi alle petizioni al marketing di newsletter, ovvero organizzare e gestire Campagne di partiti e politici nel digitale spazio. . L’organizzazione lavora solo sulle campagne dei candidati del più grande partito di sinistra italiano, il Partito Democratico (PD). Inoltre, aiutano solo i politici che si candidano nei cosiddetti collegi elettorali elettorali, perché i loro risultati determineranno l’esito delle elezioni”, ha scritto Magyar Nemzet.

L’azione per la democrazia è stata guidata da importanti critici del governo ungherese e delle forze conservatrici in generale, tra cui la scrittrice americana di origine ungherese e l’attivista per le cause progressiste Kati Marton, lo storico britannico Timothy Garton Ash, la storica americana Anne Applebaum, il politologo americano Francis Fukuyama, ex britannico Il segretario di Stato David Milliband o l’ex comandante generale della NATO Wesley K. Clark.

Il mese scorso, Péter Márki-Zay, sindaco di Hódmezővásárhely (sud-est dell’Ungheria) ed ex candidato primo ministro della coalizione di opposizione insieme alle elezioni parlamentari, ha rilasciato diverse dichiarazioni sulle finanze della sua campagna elettorale e sui legami con gli Stati Uniti che hanno suscitato scalpore nei media ungheresi e dibattito pubblico. Afferma che la sua campagna ha ricevuto solo pochi milioni di fiorini “dall’America” ​​nel luglio di quest’anno, due mesi dopo le elezioni. Márki-Zay ha affermato che la donazione proveniva da Action for Democracy, fondata nel febbraio 2022, poco prima delle elezioni generali in Ungheria.

Articolo correlato

L’opposizione ungherese ha ricevuto milioni dagli Stati Uniti

L'opposizione ungherese ha ricevuto milioni dagli Stati Uniti

Una fondazione gestita da eminenti critici del governo ungherese, e da forze conservatrici in generale, ha sostenuto la campagna elettorale dell’opposizione ungherese con ingenti finanziamenti dagli Stati Uniti. Leggi di più

In una dichiarazione, Action for Democracy ha negato “qualsiasi accusa di interferenza straniera nelle elezioni (in Ungheria)”. “Il nostro sostegno è dedicato ai valori democratici, alla partecipazione alle elezioni e alla giustizia elettorale. Nei nostri paesi target, sosteniamo le organizzazioni che sono in prima linea nella lotta per la democrazia, indipendentemente dal partito o dalle elezioni”, si legge nella nota.

(Tramite: Ungheria oggifoto di copertina: Miniszterelnök.hu)

Basilio Montalto

"Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Ninja di Internet. Praticante di musica. Appassionato guru di Twitter. Scrittore per tutta la vita. Baconaholic."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.