Deja vu con la nuova crisi del debito?

Non sappiamo se avete notato dove sono aumentati i rendimenti delle obbligazioni a 10 anni delle nazioni dell’eurozona alla fine della scorsa settimana.

Per chi non presta attenzione: Il rendimento dell’obbligazione greca a 10 anni sale al 3,71% dal 3,47% della scorsa settimana. Risultati a 10 anni Italia i titoli salgono alle 3% rispetto al 2,85% e all’1,17% di inizio anno. Risultati a 10 anni portoghese legame andare del 2,13% dal 2,06% e 0,46% all’inizio del 2022 e spagnolo in 2,08% rispettivamente del 2% e dello 0,56%.

Non è difficile capire come l’aumento dell’inflazione e, soprattutto, la sua persistenza chi sostiene lo scenario di un rialzo dei tassi da parte della BCE sta dietro a questo spiacevole sviluppo senza essere l’unico. Il viaggio delle finanze pubbliche non è passato inosservato anche se viviamo in un periodo di crescenti disavanzi. Soprattutto per i paesi che sono fortemente indebitati come Grecia e Italia.

Ricordiamo che l’indice nazionale dei prezzi al consumo è aumentato del 10,2% ad aprile su base annua dell’8,9% a marzo. Secondo Eurostat, la previsione finale per l’inflazione armonizzata nell’area dell’euro è del 7,4% annuo, che è leggermente inferiore alla stima iniziale del 7,5% e invariata rispetto a marzo. Insieme a i prezzi internazionali del petrolio sono stati più alti a maggio rispetto ad aprileI prezzi dell’energia nell’indice dei prezzi al consumo dovrebbero aumentare.

Inoltre, segni di volerlo settore dei servizi per recuperare quanti europei vogliono andare in vacanza per la prima volta dal 2019 senza sostanziali restrizioni. Questa potrebbe essere una buona notizia per le economie dell’eurozona e dell’eurozona, ma No è un buon segno di inflazione. La forte domanda sostiene le pressioni inflazionistiche sui servizi, mentre l’aumento dei costi operativi delle imprese alimenta l’inflazione dei beni.

Quindi, mentre le società estere vedono l’inflazione salire sopra l’8% nel bimestre maggio-giugno e rimanere sopra il 6% nell’eurozona per il resto dell’anno, La BCE non può più essere apatica. Pertanto, è molto probabile un aumento del tasso di intervento di 0,25 unità entro un certo luglio e oltre.

In un tale ambiente, i mercati e le banche centrali cercano di valutare il tasso di interesse ideale per l’economia. In generale, un tasso di interesse “neutrale” che reprime l’inflazione senza surriscaldare l’economia o portarla in recessione. Come affermato da Camille de Courcel, capo stratega Bnp Paribas“Tutti stanno cercando di capire cos’è un tasso neutrale e dove finirà il ciclo di restrizione dei tassi”.

QUELLO Cristina Lagarde aveva previsto che la BCE si sarebbe mossa gradualmente, mostrando un aumento dello 0,25% di punto percentuale. Ma alcuni, come il banchiere centrale olandese Klaas Nodolasciare la possibilità di mezza unità aperta a luglio se l’inflazione persiste.

Certo, la Grecia può scommettere la scadenza media del debito pubblico è elevata si avvicinano ai 20 anni mentre l’Italia si avvicina ai 5 anni e i tassi di interesse rimangono bassi. Tuttavia, nuovo canone di prestito per finanziare il governo e il disavanzo del bilancio privato sarà elevato. Fino al proibito per ultimo.

Quindi se la BCE commette un grave erroresia evitando l’inflazione e aumentando i tassi di interesse dopo le vacanze, sia aumentandoli troppo in alto, Non si può escludere una nuova crisi del debito nella zona euro. Soprattutto quando paesi come la Grecia e l’Italia hanno enormi debiti pubblici.


Le opinioni espresse nell’articolo di parere firmato sono quelle dell’autore e non rappresentano, in tutto o in parte, le opinioni di Euro2day.gr.

Settimio Lombardi

"Esperto del cibo. Specialista della cultura pop. Fanatico della birra. Introverso. Incline agli attacchi di apatia. Appassionato del web certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.