Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili – Storia

Cristiano Ronaldo. Capra. Capocannoniere del mondo. Stelle con dozzine di premi e trofei individuali e di squadra. Un giocatore con un percorso invidiabile, mentre il denaro scorre in abbondanza e si gode una vita di lusso.

Essere d’accordo! Il giocatore di punta del Manchester United dal Portogallo ha molte ragioni per essere chiamato e considerato uno dei migliori calciatori del mondoma la sua carriera non è stata lastricata di petali di rosa fin dall’inizio e avrebbe potuto prendere un’altra svolta, influenzata dagli eventi che l’hanno stigmatizzata.

Di recente, ha perso il figlio appena nato a causa di Georgina Rodrεςguez, una notizia che ha fatto precipitare lei, il suo partner e la sua famiglia nel dolore.

premio sport-fm.gr 5 momenti difficili personali di Cristiano Ronaldo che non l’ha piegato e l’ha reso uno dei top player del calcio, uno dei personaggi più forti fuori dal campo ea quanto pare nulla accade per caso nella vita.

Anni difficili dell’infanzia in povertà


Ronaldo non potrebbe mai nascere! Sua madre, che aveva già tre figli e stava affrontando enormi problemi finanziari, aveva preso in considerazione l’idea di abortire durante la gravidanza. Tuttavia, il suo medico è di parere opposto e le ha consigliato di tenere il bambino nato il 5 febbraio 1985.

Sulla remota isola portoghese dell’Atlantico, Madeira, Ronaldo è cresciuto in povertà con suo fratello e due sorelle maggiori.

Nel 2014 aveva dichiarato che “Sono cresciuto senza niente, eravamo molto poveri. Non ho mai ricevuto giocattoli o regali di Natale».

La dipendenza di suo padre dall’alcol e la sua perdita


I soldi non sono l’unico problema della famiglia di Cristiano Ronaldo. Suo padre, Jose Dennis, non ha mai preso parte alla sua educazione, mentre era dipendente dall’alcol a causa dello stress post-traumatico della sua partecipazione forzata alla guerra contro l’Angola, che stava combattendo per la sua indipendenza dal Portogallo.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Nel 2005, due anni dopo il trasferimento di Cristiano Ronaldo al Manchester United, si scoprì che era morto.

«Non ho mai conosciuto mio padre. È un alcolizzato. Non ho mai avuto una conversazione normale con lui. È difficile. Essere al top e non vedere nulla, e non vedermi vincere premi, vedere cosa sono diventato…“, ha confessato.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Tuttavia, questo ruolo sembra essere stato assunto da Sir Alex Ferguson durante la sua permanenza all’Old Trafford, che ha descritto nelle interviste successive come il “secondo padre” che ha dato un contributo determinante alla sua carriera.

L’alcolismo del padre sembra aver influenzato notevolmente il suo pensiero, non essendo mai stato un fan dei tatuaggi e decidendo di condurre una vita molto sana, così da poter donare ogni sei mesi il sangue a chi ne aveva bisogno, mentre allo stesso tempo aveva esso. recitato in una campagna simile.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Bullismo ed espulsione a scuola all’età di 14 anni


In un ambiente familiare difficile, l’unica via d’uscita di Ronaldo dalla sua giovinezza era il calcio. Il suo talento non è sfuggito all’attenzione di vari scout in Portogallo e alla fine è riuscito a entrare nella sua accademia preferita, lo Sporting Lisbona. Il giovane portoghese ha vissuto il suo sogno che si è presto trasformato in un incubo, poiché non aveva soldi, mentre ha perso la sua famiglia e gli amici di Madeira.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Questo gli fa dare tutto il peso al calcio e può realizzare i suoi grandi sogni. Potrebbe aver fatto bene su tutte e quattro le linee del campo, ma le sue prestazioni in classe non sono state così buone. Questo ha portato alcuni dei suoi compagni di classe a prenderlo in giro, con lui che ha reagito in modo straordinario. Gettò la sedia all’insegnante, che non fece nulla per fermare gli altri ragazzi, e questo lo portò all’espulsione all’età di 14 anni.

Il problema del cuore che pone fine al sogno


A parte la brutta infanzia, l’alcolismo del padre e il bullismo a scuola, Cristiano Ronaldo all’età di 15 anni è stato chiamato ad affrontare un grave problema che lo preoccupava.

Il problema è stato diagnosticato dai medici dello Sporting Lisbona, da adolescente la star portoghese di oggi ha avuto una strana aritmia al cuore, che batte più velocemente del “normale” quando non è in una condizione sportiva.

«Il suo cuore batte forte quando non corre. Usano un tipo di laser per bruciare la fonte del problema. È stato operato in mattinata ed è stato dimesso nel pomeriggio‘, aveva dichiarato sua madre.

«Prima che sapessimo esattamente cosa aveva, ero preoccupato perché c’era la possibilità che lasciasse il calcio. Ma la cura è andata bene e dopo qualche giorno è tornato ad allenarsi. Cristiano non è troppo preoccupato – non prende sul serio la situazione – ma io ho molta paura“, Ha aggiunto.

Il bambino è stato sottoposto a uno speciale intervento chirurgico laser, che non solo ha risolto il suo problema, ma gli esperti dicono che gli ha permesso di aumentare la sua velocità, permettendogli di correre più a lungo senza stancarsi e dribblare il più possibile. club.

Così come ha vinto il Manchester United – grazie al tempestivo intervento di Sir Alex Ferguson – Barcellona e Liverpool hanno manifestato interesse per lui.

La lotta della mamma contro il cancro


Molti accusano Cristiano Ronaldo di essere una “mamma”, di avere un particolare punto debole in sua madre, Katia Aveiro, che spesso sembra avere un ruolo nelle scelte che fa per la sua compagna o per separarne alcune, come Irina Shayk. che disapprova di essere la moglie di suo figlio.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Questa debolezza, tuttavia, è nascosta nei problemi che ha con la sua famiglia, mentre sua madre lavora come donna delle pulizie per crescere lei e gli altri fratelli.

Nel 2007, quando la stella portoghese ha iniziato a distinguersi con la maglia del Manchester United, a Katia Aveiro è stato diagnosticato un cancro e ha fatto tutto il possibile per aiutare sua madre a vincere questa battaglia. .

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Alla fine ce l’ha fatta e nonostante nel 2019 si stesse preparando a festeggiare il suo 35esimo compleanno in Italia (dove ha giocato per la Juventus) si è scoperto che c’erano delle complicazioni nella salute della madre, che alla fine sembra aver superato del tutto qualunque problema che aveva. stanno affrontando.

Questa storia lo ha reso molto sensibile a tali questioni, poiché ha allestito un ospedale per malati di cancro nella sua terra natale e allo stesso tempo spesso ha dato somme significative ai bisogni dei bambini che combattevano da soli contro il cancro.

Da piccolo combattente e finalmente vincitore


Cristiano Ronaldo è stato accusato di essere una “strega”, che ha dovuto dimenticare le sue lacrime quando il Portogallo ha perso in casa nella Coppa dei Campioni vinta dalla nazionale greca nel 2004.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Tuttavia, la sconfitta in giovane età e il sogno dello United, già iniziato, sembravano aver contribuito a plasmare il carattere del vincitore Ronaldo, che oltre ad essere un grande calciatore e atleta, si è rivelato anche una persona speciale che è riuscita di superare gli ostacoli che lo hanno affrontato fin da piccolo ed è riuscito a ispirare molti bambini in tutto il mondo, il mondo intero (come Killian Ebape per esempio) a seguire le sue orme.

Cristiano Ronaldo: 5 momenti personali difficili che ho vissuto

Il suo percorso, però, non è mai stato facile e Ronaldo ha sempre scelto quella dura, come ha fatto la scorsa estate, quando ha lasciato la Juventus per tornare allo United e aiutarlo a risalire in vetta al campionato inglese ed europeo. La sfida sta nel DNA della star portogheseche non si è mai arreso e grazie a questa tenacia è arrivato dove è oggi. In cima e considerato uno dei primi nella storia del calcio.

Poldi Mazzi

"Appassionato di televisione. Evangelista di alcol per tutta la vita. Esperto di musica certificato. Scrittore impenitente. Specialista di Internet orgoglioso. Fan estremo di Twitter."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.